ALCE NERO CRESCE DI 10 MILIONI GRAZIE A GDO, EXPORT ED E-COMMERCE

Alce Nero, marchio di agricoltori e trasformatori pionieri del biologico con oltre 40 anni di esperienza, cresce complessivamente di 10,7 milioni di euro in termini di fatturato annuo. Il bilancio 2020 si chiude decisamente con il segno positivo, raggiungendo gli 86 milioni e registrando un incremento del 14,3% rispetto all’anno precedente.

La più giovane del gruppo, Alce Nero Freddo, aggiuntasi ad aprile 2019, ha più che quadruplicato il suo fatturato che ha raggiunto 1,54 milioni (+1,2 milioni rispetto al 2019), con i gelati e i vegetali surgelati in testa alle vendite. Uova e zuppe le categorie nelle quali si è distinta, invece, Alce Nero Fresco, il cui fatturato è passato dai 2,6 milioni del 2019 ai 3 milioni del 2020. A trainare la crescita – anche sostenuti dalla necessità di mangiare molto più spesso in casa e dal maggiore tempo disponibile per cucinare – sono stati i prodotti Alce Nero ambient, che sul 2019 hanno realizzato una crescita di 9 milioni di Euro.

A conferma delle validità delle scelte strategiche del Gruppo, e in particolare dell’importanza del contributo dell’innovazione, è interessante evidenziare come ben 8 dei 10,7 milioni di Euro di incremento del fatturato del 2020 sul 2019, derivino da prodotti nuovi, lanciati sul mercato tra il 2018 ed il 2020.

La performance positiva del marchio Alce Nero è stata trasversale rispetto a tutti i canali di vendita. Particolarmente interessanti gli incrementi di fatturato registrati dalle vendite alla GDO (+14,3%), dalle esportazioni (+31,9%), e dal negozio Online Alce Nero, che ha triplicato le proprie vendite, raggiungendo 1,5 milioni di fatturato. Crescite importanti che vanno ben oltre le pur importanti performance del Retail italiano – in generale sostenute dai molti e duri lockdown che ci hanno costretti a casa – che ha visto i fatturati della Distribuzione Moderna crescere all’incirca del 5%.

Questa trasversalità della crescita c’è stata anche tra le molte famiglie merceologiche del marchio Alce Nero, anche se i risultati più eclatanti sono stati ottenuti dai prodotti “da dispensa”: Passate e le Polpe di pomodoro (+31,2%), Farine (+32%), Legumi lessati (+23,2%), Pasta (+20,8%), Riso (17,6%), Miele (27,4%), Zucchero di canna (19,2%), Composte di frutta (14%).

“In Alce Nero siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti e guardiamo al 2021 con fiducia. Vogliamo consolidare i risultati raggiunti, pur nella nuova normalità che tutti ci auguriamo arrivi prima possibile, e lavorare sempre meglio per continuare a crescere – ha dichiarato Massimo Monti (nella foto di apertura), Amministratore Delegato di Alce Nero – Per noi crescere in fatturato e in volumi vuole dire crescere come Persone che in Alce Nero e per Alce Nero lavorano: nei nostri campi, nelle nostre fabbriche, nei nostri magazzini e nei nostri uffici. Vuole dire crescere in quantità e in qualità. Vuole dire liberare sempre più terra dalla chimica e dai veleni. Vuole dire contribuire alla solidità, alla bellezza ed alla ricchezza dei nostri Territori. Vuole dire fare tutto il possibile e anche di più per ripagare con qualità, piacere, salute, innovazione e coerenza – senza compromessi – le tante persone che scelgono i nostri prodotti, con i tanti valori che ci stanno dentro”.