NATURA IBLEA, NUOVO IMPIANTO PER LE CAROTE BIO: RADDOPPIATA LA LINEA DI LAVORAZIONE

E’ stato firmato l’accordo tra la Natura Iblea e le tre aziende Falco Impianti, Barone e Saclark per la realizzazione di un nuovo impianto interamente informatizzato mediante Plc e telecontrollo. L’impianto consentirà di raddoppiare la linea di lavorazione delle carote biologiche della Natura Iblea ad Ispica (provincia di Ragusa), con la capacità di lavorare circa 9 tonnellate l’ora, in sacchi, sacchi a cuscino, vassoi, cartoni rinfusa e big-bags; il tutto con trattamento Hydrocooler a 3 gradi.
“Quattro aziende leader nel settore agroindustriale delle carote bio impegnate a collaborare  puntando a migliorare la competitività investendo sull’informatizzazione mediante il piano innovativo 4.0 interamente in telecontrollo”, ha affermato Roberto Giadone presidente di Natura Iblea.

Roberto Giadone

L’inaugurazione e l’avvio dell’impianto è avvenuto, martedì 16 marzo, alla presenza del Cavaliere Nello Messina, in rappresentanza della capogruppo Irem Group, di Sandro Gambuzza, vice presidente nazionale di Confagricoltura e di Giadone.

Il piano “Innovazione 4.0” è volto ad agevolare gli investimenti ecologici e l’innovazione tecnologica nelle aziende, per l’acquisto di macchinari utilizzabili dalle imprese agricole, integrando alcune nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro, creare nuovi modelli di business e aumentare la produttività e la qualità produttiva degli impianti.
“I nostri macchinari sono sempre aggiornati dal punto di vista tecnologico – interviene Falco, direttore della società Falco Impianti – pronti a garantire maggiore qualità e minor costi di produzione e in grado di creare progetti specifici in tempi brevissimi in linea con il piano Innovazione 4.0”.

Natura iblea società leader nella produzione di carote bio in Europa, punta ad una maggiore efficienza e qualità della merce per i sui clienti Europei come Coop Danimarca, Coop Norvegia, Edeka Germania e Coop Svizzera e del proprio servizio di e-commerce www.panierebio.com, mediante l’utilizzo di nuove tecnologie produttive creando collaborazione tra operatore, macchine e strumenti, nel rispetto dell’ambiente, con un occhio di riguardo ai consumi energetici.

“Una maggiore produttività che si basa anche sulla continuità del servizio e sull’efficiente utilizzo dell’energia e delle materie prime. Un impianto capace di adeguarsi velocemente alle esigenze di mercato senza rinunciare alla qualità del prodotto”: così interviene Barone della società Barone. “Sarà una vera rivoluzione, un passo verso il futuro”, ha aggiunto Roberto Giadone. Sala, direttore della Saclark, ha concluso: “Siamo di fronte al primo impianto di lavorazione carota in Europa interamente digitalizzato e con possibilità di utilizzo di packaging plastic free”.