CONSUMI, PARTENZA SPRINT A GENNAIO

Il 2021 del comparto ortofrutticolo è cominciato all’insegna della ripresa, almeno per quanto riguarda i consumi. Una notizia che fa tirare un sospiro di sollievo agli operatori, dopo un 2020 complicato.

È quanto emerge dall’Osservatorio di Mercato di CSO Italy, su rilevazioni fornite da GFK, secondo il quale a gennaio i consumi di frutta e verdura delle famiglie italiane hanno registrato una crescita del 4% in volume – per un totale di circa 463 mila tonnellate – e un aumento del valore del 3%, a fronte di prezzi medi pressoché invariati, a 1,85 euro/kg.
Nella top ten delle specie frutticole più acquistate a gennaio troviamo un podio con le arance, con 64 mila tonnellate (nonostante il calo del 4% anno su anno), le mele, che pareggiano i volumi dello scorso anno (con circa 41 mila tonnellate), e le clementine (stabili a 36 mila tonnellate). Le rimanenti sette posizioni sono occupate dalle banane (-1%), dalle pere con 11mila tonnellate (in forte ripresa rispetto al deficitario 2020 con un deciso +31%), dai limoni (+7%), dai kiwi (-3%), dai mandarini (+7%), dagli ananas (+9%) e dall’uva da tavola (+13%).
Tra le verdure le più richieste sono state le patate con 48 mila tonnellate (+3% su gennaio 2020), le carote con 18 mila tonnellate (+14%), i pomodori, che con un incremento del 6% toccano quasi 17mila tonnellate, le insalate con 12 mila tonnellate (+2%), le cipolle (+13%), le zucchine (+14%), i cavolfiori (+5%), i carciofi, in grande ripresa con il +20%, e i broccoli, unica specie tra le più vendute che ha segnato una contrazione (-3%).
Passando all’analisi degli acquisti per canale commerciale, i dati dell’Osservatorio di CSO Italy mostrano quote in calo per gli ipermercati (-7% con un totale di ortofrutta gestita di  25mila tonnellate), mentre percentuali in salita si registrano per i supermercati (+7% con 97 mila tonnellate) e i discount (+5% con oltre 35 mila tonnellate). Tonfo per le piccole superfici/superette (-17%) e i mercati rionali/ambulanti (-19%) mentre segnali di ripresa arrivano dai fruttivendoli (+8%).
Buono l’andamento della IV Gamma, nel complesso in crescita del 6%, trainata dalle insalate con il +9% delle quantità acquistate.
Bene anche il comparto della frutta secca, grazie a importanti incrementi dei volumi per tutte le principali categorie di prodotto: noci +10%, arachidi +16%, castagne e marroni + 27%, pistacchi +33%, mandorle +8% e nocciole +20%.
Circa l’andamento dell’ortofrutta acquistata a peso fisso, l’incremento dell’11% fa salire la merce confezionata al 31% del totale di ortofrutta acquistata nel mese. Prezzo medio di acquisto in leggero calo (-2%) a 2,21euro/kg.
“Segnali incoraggianti anche per il biologico, in aumento dell’1% in termini di volumi acquistati a gennaio 2021 per un totale di circa 25 mila tonnellate, a fronte di una crescita del prezzo medio del +5% salito a 2,03 euro/kg”, conclude Daria Lodi dell’’Osservatorio di Mercato di CSO Italy.