CONSORZIO CASALASCO, RICAVI IN CRESCITA A 338 MILIONI

Nella sede di Rivarolo del Re (Cremona), l’Assemblea ordinaria del Consorzio Casalasco del Pomodoro ha approvato all’unanimità il bilancio di esercizio 2020.

Durante l’Assemblea, il Presidente Paolo Voltini e il DG Costantino Vaia, hanno evidenziato i risultati molto soddisfacenti. I ricavi consolidati 2020 hanno segnato un nuovo aumento raggiungendo i 338,3 milioni di euro, con un tasso di crescita pari al +10,1% rispetto al 2019, ed un ulteriore incremento del Margine Operativo Lordo (EBITDA) che è passato da 28,3 a 34,2 milioni di Euro.

Col 70% del fatturato, l’Export Europeo ed Extra-EU si conferma negli anni l’elemento portante del business del Consorzio e delle sue controllate, anch’esse in forte crescita rispetto al 2019: SAC SpA (+16,1%) e Pomì USA (+36,5%).

Gli investimenti effettuati negli ultimi esercizi, abbinati a una strategia commerciale sempre più rivolta a internazionalizzare il profilo della società, hanno permesso al Gruppo Casalasco di aumentare il proprio valore della produzione nel segmento “Core” del business aziendale (prodotti semplici o ricettati a base pomodoro).

Il 2020 è stato un anno particolarmente positivo anche per il brand Pomì, sia in Italia (+26,2% dei ricavi) sia nell’Export (oltre il +40% dei ricavi rispetto al 2019), cresciuto ancora sui mercati dove era già presente (soprattutto Stati Uniti, Germania, Austria e Medio Oriente), incrementando la gamma prodotti offerta con nuove referenze “specifiche” sia per i mercati emergenti sia per quelli consolidati.

Gli ottimi risultati confermano il piano industriale della cooperativa sempre più determinata a raggiungere la leadership in ambito internazionale grazie a importanti progetti di crescita nel breve periodo.