MACFRUT TORNA “DAL VIVO” CON OTTIMISMO: ATTESI 800 ESPOSITORI (20% STRANIERI) E OLTRE 500 BUYER

Macfrut torna in presenza dopo oltre un anno e mezzo di relazioni virtuali e proprio per questa voglia di ritornare a “relazioni di contatto” registra numeri che il patron Renzo Piraccini ha definito “miracolosi” nella conferenza stampa di presentazione di questa mattina della rassegna, in programma alla fiera di Rimini da martedì 7 a giovedì 9 settembre.

I numeri parlano di 800 espositori in rappresentanza dell’intera filiera (produzione, tecnologie, macchinari, packaging, logistica, servizi, etc), presenza straniera al 20% con importanti new entry, adesione dei grandi player italiani del settore, oltre 500 buyer internazionali accreditati in collaborazione con Ice-Agenzia, oltre una quarantina di eventi nel corso della tre giorni a cui si aggiungono le prove tecniche in campo in un’apposita area dedicata. E con la contemporanea presenza di Fieravicola, Fiera internazionale delle attività avicunicole, la tre giorni riminese si presenta come il primo grande evento in presenza dedicato all’agrifood.

Ampia presenza estera

La massiccia campagna vaccinale attuata a livello mondiale ha ridato slancio agli spostamenti in ambito internazionale, anche se non ancora ai livelli pre-Covid. Una testimonianza diretta arriva dall’ampia adesione di presenze estere tanto da rappresentare, come anticipato, circa il 20% degli espositori complessivi. Tra le novità, il Centroamerica con Cuba (collettiva di 10 aziende) e Panama (8 aziende), a cui si aggiunge una nutrita delegazione da Repubblica Dominicana, Cile e Colombia, nonché una collettiva organizzata da Iila (Organizzazione internazionale Italo-Latina Americana). Tra le new entry anche il Caucaso con la Georgia (8 aziende), Libano (10 aziende), Indonesia (4 aziende) e Vietnam (2 aziende). Confermato il Padiglione Africa con i nuovi arrivi da Nigeria e Costa d’Avorio.

E laddove non sarà possibile la presenza fisica, sopperisce la piattaforma di Macfrut Digital (macfrutdigital.com) a disposizione degli espositori, che consente di ampliare le relazioni con i Paesi “lontani”, realizzare incontri b2b, seguire le registrazioni dei convegni e visitare gli stand virtuali delle aziende espositrici.

La fiera, inoltre, vivrà una importante anteprima virtuale dedicata alla Cina lunedì 6 settembre. The China Day si svolgerà sulla piattaforma macfrutdigital.com ed è organizzata in collaborazione con l’Ente governativo cinese per la promozione dei prodotti agricoli ATPC (Agricoltural Trade Promotion Centre), alla presenza di 111 aziende cinesi.

Confermato infine anche il programma di incoming per i buyer esteri realizzato in collaborazione con Ice-Agenzia e attraverso la rete di agenti esteri di Macfrut con la registrazione di oltre 500 buyer accreditati.

I contenuti

La specificità di Macfrut è di essere fiera di filiera, in rappresentanza di undici settori espositivi. A questo si aggiunge, una ricca parte di contenuti, sui principali temi del settore, con oltre una quarantina di eventi tra meeting, workshop, convegni ed eventi stampa, molti dei quali promossi direttamente dalle aziende espositrici che scelgono Macfrut per presentare le loro novità.

Uno speciale evento, in particolare, sarà organizzato insieme alla Fao per l’anno internazionale dell’ortofrutta, così come una serie di iniziative sono in programma dalla Regione Sardegna, partner della 38esima edizione, e in tante altre Regioni che mai come in questa edizione hanno risposto “presente”.

Oltre a questo, ampio spazio sarà dedicato al tema dell’innovazione e alla difesa attiva con prove in campo in presa diretta in un’apposita area dinamica, Macfrut Field Solution, curata da Luciano Trentini con la collaborazione del Consorzio Cermac. E ancora, il tema sempre più centrale dell’acqua in Acquacampus, in collaborazione con ANBI e CER, gli asparagi con la quarta edizione di International Asparagus Days, in collaborazione con Cristian Befve. Altri temi centrali sono un confronto con la moderna distribuzione italiana nell’area Retail for the future, in collaborazione con Agroter, i piccoli frutti nell’Italian Berry Day, realizzato in collaborazione con NCX Drahorad, e un focus sulle biosoluzioni in collaborazione con Agri 2000.

Il programma completo dei convegni è scaricabile qui

Piraccini: “Respiriamo una ventata d’ottimismo”

“Siamo orgogliosi di poter affermare che l’edizione 2021 di Macfrut porterà una ventata di ottimismo – dichiara Renzo Piraccini, Presidente di Macfrut – e siamo soddisfatti della risposta dei nostri espositori, che dimostra ancora una volta il grande attaccamento a questa manifestazione. Le relazioni commerciali sono in primis relazioni di persona e in questi mesi hanno subito parecchie restrizioni a causa della impossibilità di ritrovarsi in presenza in occasione di grandi eventi specializzati. I numeri dicono che gli operatori hanno tanta voglia e una forte necessità di rincontrarsi e la macchina organizzativa di Macfrut ha lavorato affinché tutto questo potesse accadere, garantendo una fiera in totale sicurezza”.

Alla conferenza stampa di presentazione della fiera, moderata dal direttore di Cesana Fiere Luigi Bianchi e in cui è stata presentata anche la contemporanea Fieravicola, anche Dino Scanavino, Presidente di CIA – agricoltori italiani: “La Cia – agricoltori italiani, in questo anno internazionale della frutta e della verdura delle Nazioni Unite, ha intrapreso molte iniziative sul settore con anche una campagna di comunicazione attraverso gli ambasciatori confederali. Saremo presenti convintamente a Macfrut anche quest’anno con un evento dedicato, l’8 settembre, alle calamità che colpiscono il comparto, procurando danni ingenti e mettendo in ginocchio aziende e operatori. Occorre aumentare la competitività dell’imprenditore ortofrutticolo, mettendo in atto strategie, attraverso cui la produzione agricola può recuperare o riuscire a trattenere una quota maggiore di valore aggiunto. Azioni che passano per aggregazione, promozione unitaria, sviluppo dell’economia contrattuale, contrasto alle pratiche commerciali sleali, operatività piena dell’interprofessione. Accanto a questo, è necessario incoraggiare un patto fra gli attori della catena ortofrutticola e collaborare per eliminare inefficienze, aumentare la competitività del settore, ridurre gli squilibri. Macfrut in questo senso rimane l’unica vetrina utile, un importante tassello di promozione”.

Una fiera Covid-free

Come da disposizioni governative italiane, a Macfrut si potrà accedere solo con Green Pass o con titolo internazionale equivalente. Per chi ne fosse sprovvisto sarà possibile effettuare un tampone rapido nei due ingressi della Fiera. Macfrut è organizzato da Cesena Fiera e si svolgerà in Fiera a Rimini nelle giornate 7-8-9 settembre, orario 9.30-18.00.