CALIFORNIA, VOLUMI DI MANDORLE IN CALO A CAUSA DELLA SICCITÀ

A causa della siccità in California, il settore si aspetta un calo delle rese delle mandorle con una conseguente diminuzione del volume di produzione che potrebbe portare a un rialzo dei prezzi.

Da un recente report dello USDA, il dipartimento dell’agricoltura statunitense, in California, principale produttore mondiale di mandorle, si dovrebbero raccogliere solo 1,3 milioni di tonnellate di mandorle rispetto a 1,5 milioni di tons stimati inizialmente. Il calo di produzione sarebbe attribuibile alle temperature da record e alla scarsa disponibilità di acqua.

La coltura delle mandorle richiede molta acqua e la California è alle prese con una grave siccità. In base a una classificazione redatta dallo U.S. Drought Monitor, l’88% dello stato della California è in uno stato di “estrema siccità”, in particolare la Central Valley. In agosto, i serbatoi d’acqua delle fattorie erano riempiti molto poco (30% e 24%).

Questo probabile calo delle rese potrebbe portare a un rialzo dei prezzi. Ma altri fattori, come la dimensione e l’aspetto delle mandorle, potrebbero limitare questo aumento, a detta degli operatori del settore.

In California c’erano 169.158 ettari di mandorle nel 1995, e la richiesta mondiale ha fatto balzare le superfici coltivate agli attuali 526.091 ettari. Ma la siccità e la scarsità di acqua potrebbero presto frenare questa espansione dei terreni.