TORNA SUGLI SCAFFALI DELLA GDO IL BERGAMOTTO FIRMATO CITRUS

Direttamente dalla Calabria, terra vocata per la sua coltivazione, torna sugli scaffali dei supermercati e online il bergamotto proposto da Citrus l’Orto Italiano.

Un ritorno che ribadisce lo stretto legame tra l’agrume dalla buccia verde e liscia (è nominato “oro verde di Calabria”), ricchissima di oli essenziali dal profumo intenso, e l’azienda romagnola che ha fatto del recupero delle produzioni (di nicchia e no) tipiche del territorio nazionale una delle sue peculiarità. Proprio grazie al lavoro di Citrus, infatti, sei anni fa il bergamotto ha fatto il suo debutto nei supermercati italiani. Da allora sono aumentate le superfici e anche l’indotto che gira intorno alla produzione.
“Si tratta di una filiera molto importante sia per l’identità culturale, sia per l’economia regionale visto che il bergamotto da solo vale il 60% dell’export della Calabria – ricorda Marianna Palella, Ceo e brand manager di Citrus l’Orto Italiano – Per noi è un prodotto simbolo, siamo orgogliosi di essere stati i primi a portarlo in GDO, facendolo riscoprire in chiave inedita, e di vederlo sempre più apprezzato e richiesto. Abbiamo aperto una strada che valorizza e premia il bergamotto, ma non ci siamo fermati lì, oggi ne garantiamo la filiera etica, efficiente e innovativa lungo tutti i passaggi, dalla coltivazione alla raccolta, fino alla distribuzione”.
Il bergamotto è un agrume che matura tra ottobre e febbraio e cresce nel Basso Jonio Reggino. Ha buccia sottile e liscia di colore variabile tra il verde e il giallo. In cucina, si utilizza a spicchi per farne delle insalate mentre la scorza può essere impiegata per aromatizzare piatti, creme, gelati e biscotti. “Dal bergamotto si ottengono anche ottime spremute – continua Marianna Palella – Per questo motivo noi lo proponiamo anche in confezione da quattro frutti insieme all’arancia bionda. Abbiamo chiamato questo prezioso mix La Spremuta del Benessere, un’equazione perfetta di gusto e vitamine”.


L’anno scorso in Italia sono stati prodotti 220mila quintali di bergamotto, il 10% dei quali destinato al mercato del fresco contro il 90% assorbito dall’industria. “Quest’anno la produzione è inferiore del 30% circa, a causa delle elevate temperature e della carenza di acqua in fase di maturazione – spiega Paola Pappalardo, presidente della Coop Le Foglie che riunisce i produttori di bergamotto fornitori di Citrus – Tuttavia, sta aumentando l’interesse per i frutti da consumo fresco che prevediamo arriverà al 15% del totale prodotto. La qualità dei frutti è davvero eccellente”.
Il bergamotto Citrus è venduto sia in retine da 600 grammi, sia sfuso con bollino compostabile, un’altra novità dell’azienda romagnola da sempre attenta all’ambiente. Facile da smaltire (nell’organico) ricorda al consumatore l’importanza della buccia non trattata in superficie che la rende edibile e invoglia a grattugiarne la scorza per impreziosire piatti quali insalate e risotti.
Dopo l’esperienza positiva dei test 2020 in Olanda, quest’anno Citrus l’Orto Italiano esporterà il bergamotto anche in Francia e Germania.