BUONE PRATICHE, CARREFOUR APRE LE PORTE ALLE SETTIMANE DELLA TRANSIZIONE ALIMENTARE

Dall’8 al 16 novembre Carrefour Italia apre le porte alle “Settimane della Transizione Alimentare”, iniziativa giunta alla sua terza edizione, che vede protagonisti una selezione di fornitori di Carrefour Italia – sia internazionali che nazionali – scelti per la loro attenzione alla sostenibilità, con l’obiettivo di valorizzare le buone pratiche di produzione agli occhi dei consumatori, raccontandone l’eccellenza e l’impegno in ambito sostenibile.

Per Carrefour Italia, infatti, la sostenibilità rappresenta il filo conduttore delle proprie azioni di business ed attività quotidiane, con uno sguardo a 360° che coinvolge tutti i propri stakeholder, dai collaboratori, ai fornitori, fino ad arrivare ai propri  clienti.

Per questa edizione i partecipanti saranno 37, ciascuno con un prodotto simbolo della transizione alimentare, a suggello della volontà comune di perseguire modelli di produzione e di business responsabili. Dalla prima edizione molti sono i passi avanti fatti insieme ai fornitori, tra cui progetti di sensibilizzazione concreti e sviluppo di nuovi prodotti, scelti per le loro caratteristiche sostenibili, secondo le 5 priorità della strategia di Carrefour Italia: imballaggi riciclabili o compostabili e istruzioni chiare sul corretto riciclo; collaborazioni con produttori che operano nel pieno rispetto della natura e dell’uomo; incoraggiamento a pratiche sostenibili; produzioni con ridotto impatto sul cambiamento climatico; informazioni chiare sui valori nutrizionali e provenienza delle materie prime.

Le Settimane della Transizione Alimentare hanno, infatti, un triplice obiettivo: verso i partner commerciali, per coinvolgerli e guidarli verso una produzione più sostenibile; verso i clienti, promuovendo un cambiamento nelle abitudini di consumo, favorendo l’adozione di pratiche più responsabili, con una crescente consapevolezza ambientale; verso i principali stakeholder,per discutere sia delle strategie e delle iniziative che favoriscono la salvaguardia del pianeta, sia dell’importante ruolo che ciascun attore della filiera può avere per favorire la salvaguardia del pianeta, posizionando Carrefour Italia come leader nella Transizione Alimentare per tutti.

“Quando si parla di transizione verso modelli più sostenibili, la GDO ha sicuramente una grande responsabilità, poiché rappresenta un luogo democratico di incontro, capillare su tutto il territorio. Proprio a suggello di questa responsabilità, noi retailer dobbiamo essere driver e leader in questo cambiamento, costruendo un dialogo con tutti i nostri stakeholder, siano essi produttori o clienti, sensibilizzandoli ad una produzione e un consumo responsabile e sostenibile. Crediamo che sia questa la chiave per riuscire a raggiungere traguardi ed obiettivi concreti e anche le Settimane della Transizione Alimentare vanno proprio in questa direzione. I nostri fornitori rappresentano dei veri e propri partner in questo percorso di educazione alla sostenibilità. Insieme, possiamo fare la differenza per il futuro del nostro Pianeta” dichiara Gilles Ballot, direttore merci, marketing e e-Commerce di Carrefour Italia.

L’iniziativa verrà raccontata in una landing page appositamente realizzata (https://www.carrefour.it/landing/food-transition-week.html), che spiega ai consumatori le caratteristiche green dei prodotti inclusi nella Settimana della Transizione Alimentare, e verrà comunicata direttamente all’interno di  tutti i punti vendita  diretti Carrefour sul territorio nazionale con una teatralizzazione dedicata e anche grazie al coinvolgimento dei Superheroes – collaboratrici e collaboratori di Carrefour selezionati come veri e propri ambasciatori della transizione alimentare ed impegnati nella promozione dei valori della sostenibilità.

Lanciata da Carrefour a livello europeo nel 2020 in altri cinque paesi (Belgio, Francia, Polonia, Romania, Spagna), l’iniziativa delle Settimane della Transizione Alimentare rientra nel più ampio programma Act for Food avviato dall’insegna nel 2018, con l’obiettivo di diventare leader mondiale nella Transizione Alimentare per tutti, impegnandosi per il controllo delle filiere, l’accessibilità al biologico, la difesa dei produttori locali e la valorizzazione delle eccellenze del territorio.

La prima edizione delle “Settimane della Transizione Alimentare”, tenutasi nel 2020, ha visto 19 partners coinvolti a livello internazionale. 19 multinazionali, con le quali Carrefour ha siglato un vero e proprio “patto di impegno e di responsabilità” sul tema della Transizione Alimentare per tutti.

Carrefour Italia ha promosso un piano di azioni concrete per supportare le comunità locali di riferimento su tutto il territorio nazionale, con numerosi servizi indirizzati ai clienti, agli operatori sanitari, agli ospedali e iniziative dedicate ai propri dipendenti. Ha inoltre condotto una serie di iniziative di solidarietà, come la Spesa SoSpesa a sostegno di Banco Alimentare. Tali attività si aggiungono alla donazione di 500 mila euro da parte di Fondazione Carrefour all’ospedale Santi Paolo e Carlo di Milano, avvenuta lo scorso marzo 2020, all’inizio della diffusione della pandemia da Covid-19. Inoltre, a partire dalla fine del 2020, Carrefour Italia ha deciso di rendere ancora più sicura la spesa nei propri punti vendita facendo verificare il proprio protocollo da DNV GL, ente di certificazione e leader nell’evoluzione digitale dei servizi di assurance.

Carrefour Italia, con una cifra d’affari pari a 4,66 Mld euro (2020), opera su tutto il territorio nazionale con oltre 1.450 punti vendita* suddivisi in Ipermercati Carrefour, Carrefour Market, Carrefour Express e Cash and Carry (Docks Market e GrossIper). Presente in 18 regioni italiane, impiega oltre 16.000 Collaboratrici e Collaboratori. A partire dal 2018, ha implementato il programma “Act for food”, lanciato a livello di Gruppo, con l’obiettivo di diventare leader mondiale nella transizione alimentare. I focus del programma sono: controllo delle filiere anche attraverso la tecnologia blockchain, maggiore accessibilità al biologico per tutti, difesa dei piccoli produttori locali, servizi efficienti e innovativi e valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche di tutto il territorio italiano. Carrefour Italia ha inoltre sviluppato, ad oggi, una gamma di prodotti a marchio con oltre 3.000 referenze, coprendo in tal modo tutte le categorie merceologiche. In un’ottica di differenziazione e di sempre maggiore attenzione alla qualità, alla convenienza e alla completezza dell’offerta, Carrefour Italia ha sviluppato alcuni servizi extra core business quali, ad esempio, 23 stazioni di carburante e 5 autolavaggi gestiti dal Gruppo. L’azienda, anche nel 2021, è tra le 20 migliori aziende in Italia per l’impegno a favore della Diversity & Inclusion secondo Diversity Index. Per maggiori informazioni: www.carrefour.it

 

*Il numero comprende anche i Master Franchising di Etruria Retail ed Apulia Distribuzione.