ESSELUNGA SI APPELLA AI FORNITORI: “LISTINI ESAGERATI. DITECI L’AUMENTO DEI COSTI DELLE MATERIE PRIME”

Gabriele Villa (nella foto), direttore generale diEsselunga, approfondisce la questione della tanto discussa campagna prezzi di Esselunga, in un’intervista rilasciata a Luigi Rubinelli su Alimentando.info. Al centro della questione l’ormai nota campagna della catena distribuita intitolata “Il carovita sale? Noi abbassiamo i prezzi”.

Villa precisa subito: “Non è una promozione, ma tutt’altro. È un’operazione di ribasso dei prezzi, per giunta variabile per categoria. È una discesa in campo per metterci a confronto con il mercato, con i competitor, e tutti i clienti lo possono fare in tutte le categorie merceologiche dove siamo presenti. Abbiamo scelto i 1.500 prodotti più acquistati e su questi abbiamo applicato una riduzione media dei prezzi del 6%”, spiega il manager di Esselunga ad Alimentando.

Riguardo al rapporto con i fornitori, quest’ultimi, sottolinea Villa, “quasi tutti, sono impegnati a proporre aumenti di listino esagerati che non hanno niente a che vedere con la realtà dei fatti e con l’aumento delle materie prime che sicuramente c’è, ma non nella quantità e nei modi che vengono indicati. Si sono dimostrati tiepidi o addirittura disinteressati verso la nostra riduzione di prezzo. È un vero peccato”, sostiene il direttore del retailer.

Quindi l’appello agli stessi fornitori: “Diteci esattamente a quanto ammontano i costi in più delle materie prime, in modo da comporre un listino prezzi accettabile, ma anche, è bene dirlo, per ridurre i prezzi qualora i costi delle materie prime dovessero tornare a diminuire nel tempo. Noi parliamo ogni giorno con milioni di famiglie: come possiamo giustificare simili richieste di aumento? Se i prezzi aumentassero diminuirebbero i consumi, questo è certo. Ecco perché abbiamo fatto una simile operazione. E poi diciamolo con chiarezza: se si devono fare sacrifici, questi vanno equamente suddivisi”.

(fonte: Alimentando.info)