ASSOMELA: IL GREEN DEAL PUÒ FALCIDIARE LA MELICOLTURA MADE IN ITALY

Il Green Deal rischia letteralmente di falcidiare una delle eccellenze frutticole italiane, la mela: secondo lo studio sull’impatto del Green Deal europeo condotto dall’Università di Wageningen (leggi news) e rilanciato da Assomela, infatti il nostro Paese potrebbe perdere fino al 30% della produzione e la Polonia il 50%.
Lo studio analizza sei obiettivi della strategia Farm to Fork (F2F) e della strategia per la biodiversità (BD), sviluppando quattro scenari per i quali sono stati valutati gli impatti: (1) riduzione del 50% dell’uso e del rischio di fitofarmaci e del 50% dell’uso di fitofarmaci rischiosi, (2) riduzione dell’uso di fertilizzanti (-20%) e di nutrienti (-50%), (3) aumento dell’area coltivata con metodo biologico (+25%) e (4) una combinazione degli scenari 1 e 2 estesa con l’obiettivo aggiunto di avere più terreni con caratteristiche di alta biodiversità.
Nel dettaglio, secondo lo studio, l’effetto combinato del primo e secondo scenario con l’abbandono del 10% della superficie per favorire la biodiversità, avrebbero un impatto significativo sulla produzione, con perdite previste superiori al 20% e prezzi in riduzione del 15% per le mele italiane. Inoltre, l’espansione dell’area biologica al 25% del totale potrebbe per i melicoltori italiani risultare in un calo di produzione generalizzato.
Per quanto riguarda il commercio internazionale lo studio prevede un calo nelle esportazioni dell’UE, che passerebbe da circa 1.300.000 tons a 450.000 tons., a fronte di importazioni in EU in aumento, con effetti gravi per l’Italia, che nel 2021 ha esportato circa 370.000 tonnellate di mele verso Paesi terzi.
Il sistema italiano delle mele sarebbe, quindi, tra i più colpiti dalle politiche del Green Deal, con una grave perdita di produzione e reddito per la melicoltura europea ed italiana, che, denuncia Assomela, metterebbero a rischio la permanenza stessa delle aziende nelle campagne: ”Obiettivi ambiziosi, come quelli del Green Deal Europeo, per essere anche realistici, dovrebbero essere accompagnati da dati e studi in grado di individuarne le criticità; il settore melicolo italiano ribadisce la necessità di una valutazione oggettiva di impatto da parte della Commissione per rispondere ai risultati emersi dagli studi come quello condotti dall’Università di Wageningen, ma anche da alcuni precedenti, come quello dell’USDA (il dipartimento dell’agricoltura americano), dell’Università tedesca di Kiel e dallo stesso Centro Studi della Commissione Europea”.
“Le stime di impatto ed il monitoraggio delle dinamiche economiche e di mercato – incalza Assomela – sono fondamentali per individuare la fattibilità degli obiettivi del Green Deal, rispettando un dialogo con i produttori, e tutelando la sostenibilità economica, asse portante della sostenibilità. Inoltre, i risk assessment dovrebbero tenere conto del mutato scenario in cui ci si trova ad operare, con costi per l’energia, le materie prime e la logistica schizzati alle stelle e con gli effetti del cambiamento climatico che negli ultimi anni già minano costantemente la produzione e dunque il reddito degli agricoltori europei”.
Lo studio peraltro conclude con una raccomandazione sull’importanza dell’innovazione nell’area dei fitofarmaci e fertilizzanti, nonché sulla necessità di sviluppare nuove tecniche di coltivazione, per favorire il progresso nei campi dell’agricoltura di precisione, dell’innovazione digitale e dei mezzi tecnici che potrebbero rafforzare il settore agricolo in vista delle criticità emergenti. (m.a.)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.