MANDORLE, MELAGRANE, ASPARAGI E FICHI NELLA “SEX DIET” PER SAN VALENTINO

“Cucinare è come amare, o ci si abbandona completamente o si rinuncia”: parole mai banali quelle della giornalista Harriet Van Horne che in occasione di San Valentino suonano come una melodia nelle orecchie degli innamorati.

Nella giornata in cui si celebra l’amore, gli esperti indicano le linee guida per accendere la passione e individuano la soluzione proprio nell’alimentazione: lanciata dal britannico The Sun con il contributo della “sexpert” greca Stella Ralfini, la “Bediterranean Diet” promette di farlo partendo dai punti cardine della dieta mediterranea. Dall’olio extra vergine di oliva, in grado di ridurre l’impotenza fino al 40%, alle ostriche, ricche di zinco e utili sia per la produzione di testosterone sia per l’incremento della libido femminile, fino ai pomodori. Ma non è tutto: nella “hot list” ci sono anche il cioccolato fondente, arma potente che aumenta i livelli di dopamina e serotonina nel cervello e riduce i livelli di stress, e gli asparagi, i quali sono degli autentici “stimolatori naturali del libido”. Si prosegue con le mandorle, in grado d’incrementare la produzione degli ormoni, il fieno greco, lo zenzero, la melagrana, frutto in grado di migliorare l’umore, e infine la birra, in particolare quella scura.

Ulteriori conferme in merito all’efficacia del cibo in ottica “sex diet” giungono anche da un’altra professionista del settore, la dott.ssa Valentina Schirò, biologa specializzata in Scienze della Nutrizione: “Ginseng, frutti di mare, crostacei, arachidi tostate non salate, pomodoro, pesce, soprattutto azzurro, zafferano e cioccolato fondente: questi sono alimenti particolarmente ricchi di principi attivi che influiscono positivamente sulla sfera sessuale. Inoltre, ci sono numerosi studi che confermano la relazione positiva tra l’assunzione di birra e l’aumento della resistenza sessuale: a tal proposito, bisogna sottolineare come il tutto dev’essere inserito all’interno di uno stile di vita sano e quindi attivo. Altro aspetto non indifferente è il rispetto della modalità di consumo ovvero una frequenza bassa e regolare e all’interno dei pasti principali”.

Restando sulla stessa lunghezza d’onda, Medical Daily mette in risalto come le birre scure risultino un toccasana per aumentare la libidine e rafforzare la salute generale.
Una posizione confermata anche da Simone Brusadelli, mastro birraio di Doppio Malto: “Certamente il consumo, sempre responsabile, di un buon boccale genera emozioni positive che poi influiscono, successivamente, sulla nostra quotidianità: siamo più felici, rilassati e, di conseguenza, riusciamo ad affrontare con il giusto mindset la vita”.

Ecco infine la top 10 delle pietanze che non possono mancare nella “sex diet” di San Valentino:

1)           Olio extra vergine d’oliva, capace di ridurre l’impotenza del 40%;

2)           Le ostriche, utili sia per la produzione di testosterone sia per l’incremento della libido femminile;

3)           La melagrana, in grado di migliorare l’umore;

4)           La birra, una bevanda afrodisiaca;

5)           Le mandorle che incrementano la produzione degli ormoni;

6)           Il cioccolato fondente, un’arma potente che riduce i livelli di stress;

7)           Il fieno greco, capace di accrescere il desiderio;

8)           Gli asparagi, i quali sono degli autentici “stimolatori naturali della libido;

9)           Lo zenzero, definito un cibo “super sessuale”;

10)       I fichi, storicamente usati dall’alba dei tempi per favorire l’eccitazione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.