LA RETE DI AREFLH SI ALLARGA: DOPO LA MACEDONIA, ARRIVANO 4 NUOVE AOP

Simona Caselli (nella foto), presidente dell’AREFLH, ha rilasciato un’intervista a Reussir.fr, sito d’informazione francese specializzato nel settore agroalimentare, parlando a 360 gradi del ruolo dell’associazione che presiede e che ha visto nuovi ingressi.

“Il lavoro sostanziale dell’AREFLH è la difesa del settore ortofrutticolo europeo e in particolare la difesa di un’efficace Organizzazione Comune di Mercato”, ha premesso Caselli. “Inoltre, AREFLH si impegna a sviluppare il settore europeo al fine di rafforzare i redditi dei produttori e la capacità di esportazione, garantendo al contempo ai consumatori l’accesso alla produzione locale. Pertanto, una delle nostre missioni è aumentare il consumo di frutta e verdura in Europa. Consumo che in alcuni Paesi è ancora troppo basso per garantire una dieta sana ed equilibrata. Lavoriamo anche per garantire un ambiente equo e competitivo per le importazioni, con gli stessi elevati standard di qualità che i nostri produttori devono soddisfare”.

Ripercorrendo il 2021, ancora fortemente condizionato dalla pandemia, Caselli sottolinea come sia stato un anno intenso per AREFLH. “Abbiamo rafforzato la nostra rete con un’altra regione, la Macedonia centrale in Grecia, e quattro nuove organizzazioni di produttori: BVEO in Germania, AOP Fraises de France, AOP Tomates et cetrioli de France e AOP Cenaldi, portando a dieci il numero di Paesi che rappresentiamo. Per contribuire allo scambio di buone pratiche tra i nostri membri, abbiamo creato nuovi gruppi di lavoro: sull’adattamento ai cambiamenti climatici, sulla protezione delle colture e sul settore europeo delle nocciole. Abbiamo contribuito e comunicato con i nostri membri sull’andamento dei negoziati interistituzionali sulla riforma della PAC. Abbiamo anche risposto a varie consultazioni pubbliche avviate nell’ambito della strategia “Farm to Fork”: revisione delle norme europee per la commercializzazione dei prodotti agricoli, revisione della politica per la promozione dei prodotti agricoli, tra gli altri.

Riguardo agli eventi la presidente di AREFLH ricorda come l’associazione sia co-organizzatrice di rassegne internazionali come Interpera, International Pear Congress o Eurocastanea. “Questi eventi mirano all’interazione tra produttori di diverse regioni europee. Si rinsaldano rapporti già instaurati e se ne creano di nuovi, consentendo alle AOP coinvolte in determinati prodotti di mettere in comune le proprie competenze e potenziare il proprio know-how tecnico e commerciale. Abbiamo partecipato ad alcune delle principali fiere dedicate all’ortofrutta: Macfrut, Fruit Attraction, Cibus. Infine, come presidente, ho avuto l’onore di rappresentare AREFLH in eventi internazionali come le conferenze sui settori sostenibili a margine del G20 e COP26, in Italia. Ho sottolineato l’importanza di riunire gli agricoltori nelle organizzazioni di produttori e altre questioni di attualità come il sequestro del carbonio e l’innovazione”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.