POMODORO, BOCCIATA PROPOSTA DELL’INDUSTRIA IN EMILIA ROMAGNA: “SERVE L’ACCORDO”

I produttori di pomodoro dell’Emilia-Romagna dicono no alla proposta avanzata finora dall’industria.

Si è bloccata a 94 euro a tonnellata la trattativa sul prezzo del pomodoro da industria per la campagna Nord Italia 2022. “È inaccettabile. Le aziende stanno fronteggiando un aumento dei costi oltre il 20% con rincari energetici ormai fuori controllo e la morsa della siccità che preannuncia onerosi interventi irrigui”, commentano i presidenti di Confagricoltura e Cia-Agricoltori italiani dell’Emilia Romagna, Marcello Bonvicini e Cristiano Fini. Intanto in Spagna e Portogallo l’accordo è già chiuso con un prezzo riconosciuto ai produttori che supera i 100 euro a tonnellata.

Tuonano Confagricoltura e Cia-Agricoltori italiani dell’Emilia-Romagna che chiedono di anticipare il Tavolo tra Op (organizzazioni dei produttori) e Industria convocato per l’11 marzo: “Dobbiamo trovare la quadra al più presto – proseguono i vertici regionali di Confagricoltura e Cia-Agricoltori italiani – altrimenti mettiamo a rischio il lavoro di tutti. Così si affossano le imprese agricole, con evidenti danni per l’intera filiera produttiva”.
Oltretutto il mercato internazionale è tonico come del resto quello interno nonostante la pandemia e l’inflazione che sale. L’Italia si conferma in cima alla classifica dei produttori e trasformatori dell’oro rosso (il 60% delle conserve “made in Italy” vola all’estero).

“Non comprendiamo affatto la proposta avanzata dal settore industriale. Sediamoci subito attorno al tavolo e stringiamo un accordo che sia soddisfacente per gli agricoltori. Siamo alla vigilia dei trapianti, che avverranno in condizioni di grave siccità”, concludono Marcello Bonvicini e Cristiano Fini.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.