AGROCEPI: “NUOVO PATTO ECONOMICO SOCIALE PER SCONGIURARE CRISI DI SISTEMA”

La pandemia ancora in corso, la guerra in Ucraina ma anche fenomeni di speculazioni internazionali, rischiano di mettere in ginocchio il sistema produttivo e sociale del nostro Paese dichiara Corrado Martinangelo (nella foto) Presidente Nazionale Agrocepi. 
Bisogna intervenire con tempi brevi, medi e lunghi sia sul versante europeo che quello nazionale continua Martinangelo, che rilancia le seguenti istanze:
a)  ripensare la  Pac e il Pnrr per alcuni obiettivi;
b)  definire un quadro  comunitario straordinario di sostegno per tante realtà produttive ;
c) assicurare sin da subito liquidità ai settori produttivi più colpiti ;
d) nell’ immediatezza intervenire per ridurre i costi fiscali e previdenziali alle imprese del made in italy attraverso pure specifici crediti di imposta;
e) semplificare maggiormente le norme per la realizzazione di interventi agroenergetici  e agrovoltaici , aumentando la dotazione finanziaria per la realizzazione degli stessi con vari strumenti;
f) utilizzare in tempi più rapidi le risorse per finanziare i Contratti di Filiera presentati e da presentare al Mipaaf per quanto previsto dal Pnnr;
g) Definire la realizzazione dei poli logistici  e dei centri di stoccaggio per l’ agroalimentare come previsto dal Pnrr a sostegno esclusivo delle imprese agroalimentari in cooperazione con il settore dei trasporti, con incentivi anche fiscali per progetti di insieme ;
e) promuovere una regia coordinata tra i Ministeri dello sviluppo economico, della transizione ecologica, dell’ agricoltura, dei trasporti e degli Esteri per un piano strategico per le diverse aziende .
Abbiamo bisogno, conclude Martinangelo, che tra Istituzioni, organizzazioni di settore e sindacali si dia vita a un nuovo Patto economico- sociale, facendo leva su uno spirito solidaristico collettivo, per superare uno dei momenti più complessi per la Repubblica italiana e per l’ Europa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.