MAZZONI: “NON SOLO FUJI E GALA, MELAPIÙ DIVENTA MARCHIO OMBRELLO PER LE VARIETÀ DI PIANURA”

Non solo Fuji: Melapiù punta a diventare un marchio ombrello per la melicoltura di pianura. Dopo il buon esito del test su Gala condotto nella scorsa stagione, quest’anno i volumi distribuiti cominceranno a diventare interessanti. Mentre procede a pieno ritmo il progetto di sperimentazione per trovare e lanciare cultivar innovative che possano completare la gamma, sempre nel segno della qualità, sempre con il brand Melapiù.
Ne parliamo con Matteo Mazzoni, massimo esponente del Consorzio con sede a Ferrara.

– Presidente, qual è il bilancio dell’ultima campagna produttiva e commerciale?
“Per Fuji abbiamo registrato un incremento di volume importante sull’annata precedente. Nonostante i calibri leggermente inferiori, gli standard qualitativi elevati ci hanno consentito di effettuare il destoccaggio del prodotto in modo consistente. In un contesto di calo generale dei consumi, la nostra mela è stata scelta ed apprezzata dai consumatori ancora una volta. Quanto al test su Gala, il risultato è stato soddisfacente: nel 2022/23 i quantitativi saranno decisamente più importanti”.

– Uno sguardo al mercato della mela: come si presenta la campagna e quali sono le vostre aspettative?
“I problemi sono noti e, purtroppo, numerosi, dalla difficoltà di reperire manodopera al balzo dei costi energetici, dal minor potere d’acquisto delle famiglie alle dimensioni di un mercato che per le mele è sempre più ristretto e oggetto di competizione. C’è poi il tema dell’elevata giacenza di mele in Europa. Tra le note, per certi versi, positive, la possibile minor disponibilità di Gala polacche da mercato fresco, come evidenziato dall’aggiornamento dei dati WAPA di metà settembre. Per la nostra Fuji di pianura è atteso un aumento contenuto, con calibri mediamente più grossi rispetto al 2021. Ci aspettiamo frutti molto buoni e la cosmesi della buccia è ottimale. Se non ci saranno avversità climatiche particolari, la colorazione sarà adeguata. I primi stacchi sono attesi per inizio ottobre”.

– E per Gala?
“Con Gala siamo alle prime battute, la campagna entrerà nel vivo più avanti, a ottobre. Anche in questo caso la qualità è buona, con pezzature maggiori rispetto all’anno precedente. Con i riscontri avuti la passata stagione e con l’inizio di questa, ci aspettiamo che i consumatori apprezzeranno la nostra Gala come hanno apprezzato per oltre 25 anni la nostra Fuji”.

– Su quali canali operate e in che modo?
“Canale tradizionale e GDO restano i principali riferimenti per Melapiù, con una crescita d’importanza da parte della grande distribuzione. Ci stiamo muovendo sul fronte del marketing coinvolgendo sia i mercati all’ingrosso, con diversi materiali, sia comunicando direttamente al consumatore, soprattutto attraverso i social media”.

– Progetti in cantiere?
“Stiamo portando avanti una intensa sperimentazione per trovare varietà innovative che possano completare la gamma di pianura, sempre con la stessa qualità e sempre sotto il cappello Melapiù. Abbiamo anche rinnovato il packaging, di cui mostreremo il design a breve, affinché posa accogliere le diverse varietà, mantenendo il design vincente che storicamente ha contraddistinto Melapiu. Stiamo infine implementando il dossier per far ottenere l’IGP alla mela Fuji dell’Emilia Romagna”.

Aspettative per i prossimi mesi?
“Il rischio è che l’effetto combinato tra aumento costi e riduzione del potere d’acquisto possa portare a un calo di consumi importante. Già il primo semestre dell’anno ha denotato un ridimensionamento dei volumi di acquisto di ortofrutta in generale, ma rimaniamo fiduciosi nel marchio e nella qualità che portiamo al consumatore, che anche in momenti come quello che stiamo vivendo ha dimostrato di raggiungere risultati positivi e costanti”.

Mirko Aldinucci
m.aldinucci@corriereortofrutticolo.it

Sul numero di settembre del Corriere Ortofrutticolo, in preparazione, ampio Focus dedicato alla mela

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.