NOCI, IL SETTORE FA SQUADRA: COSTITUITA ASSOCIAZIONE TEMPORANEA D’IMPRESA

Si è celebrata oggi la XVIII giornata della Noce, organizzata da New Factor. Un appuntamento che, come di consueto, ha riunito all’Azienda agricola San Martino di Forlì operatori e tecnici per fare il punto sull’andamento di settore e mercato.

Alessandro Annibali ©Riccardo Gallini/GRPhoto

Partiti 25 anni fa con appena due ettari di terreni dedicati, oggi la realtà che ruota attorno al brand “Noci di Romagna” è solida, strutturata e riconosciuta dai consumatori, subito dopo la California e Sorrento. “Lo sviluppo continuo del mercato delle noci – ha spiegato Alessandro Annibali Amministratore Delegato di New Factor – dimostra la lungimiranza della scelta fatta nel 2018 da New Factor con l’avvio come capofila, insieme alla cooperativa faentina Agrintesa, del progetto di filiera In-Noce, nato con l’obiettivo di produrre un prodotto di alta qualità. New Factor ha sempre creduto nelle grandi potenzialità di questa terra vocata alla nocicultura. Siamo partiti in sette ed ora siamo 23, tutte unite in un progetto che offre un percorso che va dal campo, alla lavorazione, fino al confezionamento e al posizionamento a scaffale delle noci. Di ieri l’ultima grande novità: la costituzione di un’Associazione Temporanea d’Impresa (ATI) con due grandi gruppi del Veneto e di Ferrara che porterà a 1.500 gli ettari gestiti da In-Noce con focus anche su nocciole e mandorle“.  In particolare, si tratta di un’ATI che mette in comune due progetti di ricerca e sviluppo sulla sostenibilità della coltivazione del noce da frutto, mandorlo e nocciolo. I due temi sono il risparmio idrico e il carbon footprint print, cioè la sottrazione di anidride carbonica all’ambiente. È un progetto che si inserisce all’interno del Piano di Sviluppo Nazionale finanziato dal Mipaaf e legato al PNRR, grazie a cui vengono finanziati investimenti produttivi in un’ottica di sostenibilità ambientale e risparmio energetico con all’interno progetti di ricerca e sviluppo”.

LO SCENARIO INTERNAZIONALE E LE SFIDE DEL MERCATO GLOBALE
Il cambiamento dello scenario pone il settore davanti a sfide da affrontare con efficienza e nuove alleanze. Di fronte all’esacerbarsi della competizione internazionale, con la Cina che negli ultimi 5 anni ha rosicchiato grandi quote di export a Stati Uniti e Cile, le continue interruzioni della catena di fornitura, la guerra in Ucraina e l’inflazione, solo per citarne alcune, la domanda che ci si è posti è cosa rappresenta la noce per i consumatori nostrani.
LO STUDIO DI SG MARKETING
Per scattare una fotografia sul mercato e comprendere le leve di acquisto e consumo delle noci è stato presentato lo studio di SG Marketing “Frutta secca & Noci di Romagna”. Dal report, che ha coinvolto 800 responsabili d’acquisto e consumatori della categoria, emerge che le noci sono il prodotto con la più elevata frequenza di acquisto all’interno della categoria frutta secca e disidratata: il 35% dei clienti-consumatori le compra almeno 1 volta a settimana, con un’incidenza di acquisto del 32,3% a volume sul totale della categoria e del 40,8% a valore. Le motivazioni di acquisto sono legate al valore salutistico (67%) e al piacere di gusto (45%). Il fattore”benessere”, in particolare, assume maggiore rilevanza per le fasce consumer senior, risultando fattore di innesco per l’82% degli over 55. Fra i criteri della scelta si evidenzia l’origine italiana per il 37% del campione e la sostenibilità in produzione (29%). Centrale il ruolo positivo assegnato alle certificazioni di origine (Dop e IGP) e alla tracciabilità della filiera: 1 consumatore su 4 sottolinea l’importanza della provenienza da regioni vocate e quindi del territorio quale driver per la selezione, acquisto e consumo del miglior prodotto per sé e per i suoi cari. È proprio focalizzando l’attenzione sul valore territoriale che lo studio rileva come gli italiani riconoscano in media 3,5 origini e che tra le regioni italiane vocate, la Romagna presenta una notorietà complessiva pari al 61%: quasi 4 intervistati su 10 affermano di consumarle.
Tra i canali di vendita la GDO si conferma il principale mercato di destinazione, con un forte interesse verso il prodotto in guscio. Lo sgusciato inizia progressivamente a mostrare il suo potenziale, con percentuale di acquisto di prodotto del 41%. Mentre continua a crescere il confezionato, che rappresenta il 57% del totale.
“La noce – conclude il suo intervento Salvo Garipoli, direttore di SG Marketing – rappresenta un valore da difendere, poiché rappresenta un prodotto trainante per l’intera categoria della frutta secca, ma è anche un valore da promuovere, essendo benessere e gusto i suoi driver principali, e un valore da presidiare, per il ruolo determinante del Punto di Vendita sulla scelta di acquisto. Dunque la noce ha in sé un valore condiviso, che unisce produttori,  Grande Distribuzione e consumatori”.
LA CAMPAGNA 2021 E IL FUTURO DI NEW FACTOR
La campagna 2021 si è conclusa con ottimi risultati e volumi costanti nei diversi mesi dell’anno, confermando così la progressiva destagionalizzazione del prodotto. Quest’anno, infatti, per la prima volta, New Factor è riuscita a garantire il congiungimento fra i raccolti, con risultati di vendita interessanti anche nel periodo estivo.
La campagna 2022 segna, invece, l’anno del restyling dei packaging a marchio Noci di Romagna. “Mantenendo gli elementi fondamentali che assicurano la riconoscibilità del prodotto da parte dei consumatori – ha detto Jasmina Annibali Responsabile Marketing New Factor – abbiamo lavorato sui colori abbinando toni naturali e delicati su una texture materica. Inoltre, attraverso il QR code che si trova sulle confezioni, il consumatore potrà accedere direttamente al “back stage”, per un viaggio dalla raccolta alla lavorazione fino allo scaffale dei PDV”.
Rispetto alla struttura di conferimento e lavorazione delle noci di San Martino in Strada, sono state aggiunte due macchine per l’essicazione, per un raddoppio concreto del prodotto in stock, che passa da sei a dodici tonnellate. 
Infine, la Giornata della Noce 2023 è stata l’occasione per presentare il primo numero della nuova “Rivista della filiera italiana della noce” di New Factor, un utile strumento per conoscere il mondo della noce in tutti i suoi aspetti.
Chiara Brandi

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.