CAPORALATO NEL FOGGIANO: 5 ARRESTI, SEQUESTRI PER 3 MILIONI IN 4 AZIENDE AGRICOLE

Un incidente stradale, che ha coinvolto 5 braccianti africani nell’ottobre 2020, apre la strada ad una operazione anti-caporalato nel Foggiano. Sono stati 5 gli arresti (due persone in carcere, una agli arresti domiciliari e due sottoposte all’obbligo di dimora) eseguiti questa mattina, a San Severo (Foggia), dai carabinieri della Compagnia del posto e del Comando carabinieri per la tutela del lavoro Nil di Foggia, unitamente a militari della Sat 11° ‘Reggimento Puglia’.

L’attività, denominata ‘Job & Pay’, ha portato anche al sequestro preventivo delle sedi operative, dei beni mobili registrati e degli immobili con conseguente assoggettamento a controllo giudiziario di quattro aziende agricole. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Foggia.

L’operazione ha saputo coinvolgere una moltitudine di soggetti italiani e stranieri, così arrivando alla contestazione ai soggetti colpiti dalle odierne misure dei reati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e truffa: reati accertati nel periodo da ottobre 2020 a novembre 2021 nella provincia di Foggia, in particolare nei territori di San Paolo Civitate, Lesina, Chieuti, Serracapriola, San Severo e Poggio Imperiale.

Le attività di indagine successive al sinistro, si sono sviluppate attraverso attività tecniche di intercettazione telefonica, attività di riscontro effettuate attraverso mirati servizi di osservazione, controllo e pedinamento associate a video riprese. Nel corso delle investigazioni, ancora, ci si è avvalsi della consultazione delle banche dati a disposizione del Nil e di varie ispezioni in materia di lavoro, legislazione sociale e sicurezza sui luoghi di lavoro. Tali attività hanno consentito di rinvenire e porre sotto sequestro varia documentazione utile alla ricostruzione dell’intero quadro investigativo.

Si è così potuto portare alla luce un sistema che prevedeva l’utilizzo e lo sfruttamento di manodopera, prevalentemente di etnia africana, al di là di ogni cornice di legalità e aderenza ai criteri in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Durante le indagini si è potuto appurare che i datori di lavoro, colpiti dalle odierne misure, si avvalevano, per il reclutamento della manodopera, di un “caporale” di nazionalità senegalese, il quale, approfittando dello stato di bisogno di tantissimi connazionali e di altre persone di origine africana, era addetto, oltre che all’assunzione, anche al trasporto e alla sorveglianza dei braccianti ai quali venivano imposte condizioni lavorative massacranti e poco dignitose.

È stato possibile constatare, infatti, che tale “caporale” fosse solito reclutare gli operai presso il Gran Ghetto o in altre simili località sparse per la provincia di Foggia. L’uomo, normalmente assunto presso una delle aziende colpite, oltre a percepire un regolare stipendio quale impiegato, riusciva a sottrarre ai braccianti la somma di euro 0,50 per ogni cassone raccolto e la somma di euro 5 per il trasporto dai luoghi di dimora ai luoghi di lavoro. Ogni bracciante, invece, percepiva, dal canto suo, una retribuzione a cottimo fra i 3.70 e i 4 euro per ogni cassone di pomodori raccolto oppure una retribuzione oraria di circa 4 euro.

Gli orari arrivavano anche a 11 ore giornaliere senza riposi settimanali, senza alcuna differenza fra giorni feriali e festivi e senza, ovviamente, un’adeguata corresponsione economica rispetto alle ore prestate in straordinario. Era previsto, vieppiù, oltre alla misera paga, anche l’alloggiamento: le aziende, infatti, mettevano “a disposizione” dei lavoratori alcuni capannoni adibiti a veri e propri dormitori aziendali, all’interno dei quali i servizi igienici erano totalmente inadeguati, senza porte e caratterizzati da vaste aree di muffa maleodorante (a manifesta concentrazione batterica), in presenza di scarichi ed allacci (idrici ed elettrici) abusivi e in assenza delle condizioni minime di abitabilità.

Nessuno dei braccianti, inoltre, aveva ricevuto adeguata formazione, né i dispostivi di protezione previsti. Il lavoro veniva, infatti, prestato senza l’utilizzo di abbigliamento, guanti e calzature antiinfortunistiche. Nel corso dell’indagine è emerso, ancora, come venisse prodotta documentazione falsa al fine di attestare la avvenuta formazione nei confronti dei lavoratori, al fine di garantire un’apparente cornice di legalità ai rapporti di lavoro, traendo così un ulteriore profitto economico, oltre a quello già percepito dalla mancata applicazione della normativa vigente nei rapporti lavorativi.

Infine, oltre alle richiamate misure personali, l’operazione ha consentito il sequestro di beni per un valore complessivo di circa 3 milioni di euro e la sottoposizione a controllo giudiziario di ben 4 aziende agricole riconducibili ai soggetti colpiti da misura cautelare, con un fatturato annuo di circa 1 milione di euro.

(fonte: Foggiatoday)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.