CRISI IV GAMMA, RAGO: CON LO 0,99 SALTA TUTTO, ADEGUARE SUBITO I PREZZI

“La situazione è sempre più pesante, le brutte notizie e i rumors preoccupanti sono ormai all’ordine del giorno: se non verranno adottate contromisure, se non verranno riconosciuti aumenti vitali per le aziende, chiusure e fallimenti si moltiplicheranno“: Non usa mezzi termini Rosario Rago componente della giunta nazionale di Confagricoltura e a capo di Rago Group, per commentare lo stato di salute della IV Gamma, settore sotto shock dopo lo stop allo stabilimento Cultiva di Taglio di Po. Sulla vicenda martedì abbiamo intervistato anche il presidente de La Linea Verde (e di UIF IV Gamma) Andrea Battagliola.

L’imprenditore campano, tra i Protagonisti dell’Ortofrutta 2022, confida in uno slancio di concretezza all’interno dell’organismo interprofessionale Ortofrutta Italia “affinché, attraverso un confronto tra i protagonisti della filiera che siedono attorno al tavolo del Comitato di prodotto recentemente costituito, si possa trovare la quadra per dare fiato alle imprese” e, soprattutto, auspica una presa di coscienza della GDO: “I retailer, gli stessi discounter non possono arroccarsi ma devono riconoscere un maggior valore a produzione e industria. Per le buste d’insalata – incalza Rago – siamo ancorati alla logica dello 0,99 euro, mentre tutti gli altri ambiti del food, tutti i generi  di prima necessità, come pasta e conserve di pomodoro, hanno registrato aumenti sensibili. Una busta d’insalata non dovrebbe costare meno di 1,49 euro. Il ritocco serve, e serve subito”.

La filiera è ferita, afferma Rago, ed è in affanno perché tutti i costi a monte sono aumentati sia per colpa del climate change sia per i rincari delle spese obbligate come l’energia: “Vero che le bollette energetiche sono scese rispetto ai primi mesi dell’anno, ma sono ancora il doppio del periodo pre-Covid”, puntualizza.

E poi c’è il tema della carenza di prodotto: “Nel Fucino, a causa del maltempo, mancano scarola, pan di zucchero, spinaci, radicchio: tutto extra price, tutto molto costoso. La nostra azienda in questo periodo sta lavorando a margine zero se non in perdita. Per questo, anche per questo dico: ripensiamo subito i listini. E blocchiamo le promozioni in GDO sulle insalate in busta, che sono pura folla”.

Il settore della IV Gamma vale oltre un miliardo di euro e, affonda Rago, a capo di un’azienda che per il 90% produce per la marca del distributore e sta per completare il nuovo maxi stabilimento hi-tech, “vuole continuare a investire, a crescere in qualità, innovazione e quantità. Attenzione però: senza ossigeno, ci saranno ulteriori sviluppi negativi nel nostro comparto. E da un eccesso di fornitori, si potrebbe arrivare al problema opposto”.

Mirko Aldinucci
m.aldinucci@corriereortofrutticolo.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.