RENNA (AICAN) NELL’INTERGRUPPO PARLAMENTARE PER LO SVILUPPO DEL SUD

Il presidente di AICAN-Fedagromercati Ilaria Renna (a destra nella foto) è tra i membri tecnici dell’Intergruppo Parlamentare “Sviluppo Sud aree fragili e isole minori” voluto dall’onorevole Alessandro Caramiello cui aderiscono 40 parlamentari di forze politiche diverse e 80 eccellenze territoriali, intese come referenze professionali di levatura scelte tra presidenti di ordini professionali, università, consoli, sindaci, consiglieri regionali, sindacati di categoria, imprenditori, persone che si sono distinte per forma mentis e azione per lo sviluppo del territorio.

Un tavolo tecnico che prova a costruire percorsi per il Sud Italia in cui il presidente di AICAN è stata inserita quale riferimento territoriale e membro tecnico della società civile.

Il 24 luglio, presso la Camera dei Deputati, si sono svolte le elezioni dell’Ufficio di Presidenza del tavolo tecnico e proclamazione degli eletti da parte dell’ex presidente del Consiglio, Giuseppe Conte,
nelle persone di: Giovanni Barretta (Esperto di sviluppo locale, Mezzogiorno ed aree interne), Francesco del Deo (presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Isole Minori- ANCIM), Pasquale Lampugnale (imprenditore e Vice-Presidente Nazionale Confindustria ”Piccola Industria”), Paola Marone (ingegnere e Presidente di Federcostruzioni), Angelo Melone (avvocato d’affari internazionali e Console della Repubblica Democratica del Congo), Ettore Nardi (ingegnere e funzionario PA della città metropolitana di Napoli), Giacomo Pascale (sindaco di Lacco Ameno) e Vito Umberto Vavalli (economista, già direttore tesoreria ENI, esperto CNEL ed amministratore di banche ed intermediari finanziari, amministratore delegato di Monethica).

“Per quanto riguarda il mio ruolo – dice Renna – cercherò, in collaborazione interparlamentare, di lavorare per ridurre il divario tra Nord e Sud, valorizzare i Mercati all’ingrosso della Campania e del Sud Italia, promuovere e accompagnare iniziative che possano avvicinare i grossisti ai produttori e migliorare i rapporti distributivi interni per il prodotto italiano. Cercherò inoltre di promuovere una revisione normativa del settore e il coordinamento regionale”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.