MERCATO AGROALIMENTARE DI SARDEGNA, ECCO LA PRIMA COMUNITA’ ENERGETICA

Il mercato Agroalimentare della Sardegna è la prima struttura all’ingrosso italiana a realizzare una comunità energetica. E’ quanto riporta un comunicato stampa. I vantaggi della transizione sono stimati in circa tre milioni di euro. 

Il progetto ha comportato uno studio sui consumi delle aziende che operano all’interno del mercato durato due anni e prevede la realizzazione di un impianto fotovoltaico di 900 chilowattora che sarà posizionato sul tetto della struttura di Sestu e servirà a generare energia per i 70 operatori proprietari dei box. Tutti gli introiti derivanti dalla vendita di energia, dedotti i costi di investimento e di gestione, verranno trasferiti agli operatori che potranno aderire su base volontaria. 

Il progetto, a costo zero per gli operatori, è un’iniziativa dell’ente gestore COAGRI Sardegna che investe un 5% di liquidità cui si somma un finanziamento del fondo per lo sviluppo urbano sostenibile Jessica 2, uno strumento finanziario della Commissione Europea attivato dalla Regione e gestito dal Banco di Sardegna, più un altro finanziamento bancario. 

“Nel 2022 ci siamo resi conto che i rincari esorbitanti dei costi energetici stavano diventando insostenibili per i grossisti tanto da vanificare buona parte dei profitti ottenuti dal lavoro e per evitare la chiusura delle attività siamo corsi ai ripari- spiega il direttore della COAGRIi Giorgio Licheri – così abbiamo pensato di creare una comunità energetica che ci permetterà di ottenere un doppio vantaggio: risolvere i problemi di ristrutturazione del tetto e di ridurre del 20% i costi di energia che gravano sulle bollette dei singoli operatori. Abbiamo stimato che un box che attualmente spende 8500 euro all’anno, risparmierà 1680 euro, cifra che verrà moltiplicata per venti anni. Inoltre, attraverso la Comunità Energetica, diminuirà del 20% l’aggravio sul condominio per l’illuminazione dell’intero mercato di 40.000 metri quadri coperti”.

L’innovativo progetto ha creato un dibattito interno tra gli operatori e nella recente assemblea di luglio un’ampia maggioranza ha dato il via libero al progetto proposto dall’ente gestore.

“Siamo molto soddisfatti di aver trovato la quadra – dice Cenzo Pisano in qualità di presidente della Coagri Sardegna e un operatore storico del mercato – contiamo di realizzare il progetto entro marzo 2024. Si tratta di un’operazione molto vantaggiosa per le nostre attività e non prevede alcun rischio visto che si basa unicamente sul sostentamento del sole e sui bisogni di energia elettrica. Se produrremo energia in esubero andremo a cercare all’esterno soggetti pubblici e privati che vogliano aderire, interessati a risparmiare il 20% degli attuali consumi senza dover investire nulla”. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.