CILE IN GINOCCHIO PER IL MALTEMPO, AGRUMI GRAZIATI

L’Associazione cilena degli esportatori di frutta (Asoex) ha riferito che l’attuale stagione agrumicola ha evitato gli effetti peggiori delle recenti piogge e inondazioni che hanno colpito la nazione sudamericana. Tre persone sono morte, migliaia sono rimaste senzatetto o isolate, mentre sono milionarie le perdite materiali causate dalla tempesta di pioggia e vento che è durata quattro giorni ed ha costretto alla dichiarazione di “zona di catastrofe” in quattro regioni al centro-sud del Paese.

Intensi temporali, come riporta Fruitnet, hanno portato forti piogge nell’area centro-meridionale del Cile,  ma secondo il Comitato Agrumi di Asoex l’attuale stagione agrumicola non è stata colpita in modo significativo.
“Il Comitato Agrumi di Asoex è in grado di riferire che la produzione e l’esportazione di agrumi non saranno influenzate dalle ultime piogge, in quanto le zone di produzione degli agrumi vanno dalla regione di Coquimbo alla regione di O’Higgins e sono situate in zone più elevate e protette dal gelo”, ha dichiarato il Comitato.
Monserrat Valenzuela, direttrice del Comitato, ha dichiarato che al momento delle forti piogge gran parte della frutta per l’esportazione era già stata raccolta. “La stagione delle clementine si è già conclusa e per quanto riguarda le arance e i limoni, sono completate all’80%, con quasi tutta la produzione raccolta. Infine, le esportazioni di mandarini sono al 35% e la regione di O`Higgins rappresenta solo il 15% di questa tipologia”, ha detto Valenzuela.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.