OPO VENETO FA CRAC: MESSA IN LIQUIDAZIONE. RIPARTENZA CON VENETO ORTOFRUTTA

Opo Veneto ai titoli di coda. L’Organizzazione dei produttori ortofrutticoli Veneto con sede a Zero Branco (Treviso) è stata messa in liquidazione coatta amministrativa. A deciderlo un telegrafico decreto ministeriale firmato dal ministro per le imprese e il Made in Italy Adolfo Urso.

Il gruppo veneto, uno dei più organizzati e conosciuti non solo nella regione ma in tutta Italia, contava su 485 soci produttori, principalmente provenienti dalla provincia di Treviso, oltre a quella di Venezia (Chioggia e Sottomarina capofila), ma anche Rovigo e altre venete.

Il core business dell’organizzazione di produttori era il radicchio, sebbene al centro del progetto ci fossero anche altre produzioni. Opo Veneto era un colosso nato con lo scopo di raccogliere e distribuire i prodotti ortofrutticoli della regione – da qui, come ricorda la Tribuna di Treviso il suo secondo nome “Orto Veneto” – nato nel 2004 e ora finito “ko” su richiesta della stessa Confcooperative.

La OPO, come ricorda anche Freshcutnews.it, gestiva la produzione delle aziende agricole socie, incamerandone i prodotti e vendendoli. Disponeva di svariati magazzini. A questo univa l’attività di promozione attraverso eventi e fiere di settore, in primis Macfrut.

Testa di ponte dell’attività erano prodotti come il radicchio rosso di Treviso, di Chioggia, il variegato di Castelfranco Igp, ma anche l’asparago Dop e Igp, il peperone. Costituita inizialmente da una base di 354 soci diretti e 5 realtà associative (Cooperativa Ortolani Sottomarina, Cooperativa La Nuova di Sottomarina, Cooperativa Corte Veneta, Cooperativa Produttori Agricoli del Fucino, Consorzio Freschissimi) è cresciuta nel tempo allargandosi ai mercati ortofrutticoli di Treviso e Villorba, Lusia, Sottomarina e Campagna Lupia, Marostica, Candiana e Anguillara Veneta, e Belluno arrivando a bilanci da 31 milioni di euro.

Le relazioni economiche presentate negli ultimi anni, si legge sempre sulla Tribuna di Treviso, attribuiscono la responsabilità della flessione di ricavi e attività agli effetti del Covid, al caro prezzi delle materie prime, all’incertezza dei mercati. Fatto sta che al 31 luglio 2022 il ministero certificava “una condizione di sostanziale insolvenza, a fronte di un attivo circolante di 8,4 milioni si riscontrano debiti esigibili entro l’esercizio successivo per 20,6 milioni e un patrimonio netto negativo di 2,3 milioni”.

Il ministero: “Mancati pagamenti mensilità, versamenti contributi, pignoramenti, decreti ingiuntivi”

Una voragine a cui si sono aggiunti, sempre secondo la ricognizione fatta dagli uffici del ministro Urso, “mancati pagamenti di mensilità e tredicesime, omesso versamento dei contributi, e atti di pignoramento, numerosi decreti ingiuntivi e atti di precetto”.

Di qui, e anche a seguito della richiesta di avvio della procedura di liquidazione coatta avanzata dalla Confcooperative, il decreto e l’avvio del commissariamento giudiziale affidato all’avvocato bolognese Pierluigi Bertani.

La crisi di OPO rischia di mettere in difficoltà anche il mercato ortofrutticolo di Chioggia, che detiene il 37% di Chioggia Ortomercato, quota importante nel pacchetto azionario del 56% che permette alla società Ortomercato Chioggia di essere privata.

Nasce la nuova coop Veneto Ortofrutta

La ripartenza per le produzioni agricole del territorio potrebbe essere legato alla nuova coop Veneto Ortofrutta (che in sette mesi ha rimesso assieme 30 soci generando un volume d’affari di 2,9 milioni di euro), ad AgriVeneto e al suo marchio Radico e al sostegno del consorzio agrario di Treviso e Belluno e di Coldiretti.

AgriVeneto, società partecipata al 30% dal consorzio agrario, al 60% da una cooperativa del centro-sud e al 10% da una società umbra, ha dato avvio alla nuova avventura del Cash&Carry dei produttori agricoli aperto alla grande distribuzione, all’HORECA e ai privati. Si punta soprattutto sul radicchio di Treviso tardivo, precoce, Chioggia e variegato.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.