CONSUMI SEMPRE DEBOLI, FEDERDISTRIBUZIONE: “PREOCCUPA IL POSSIBILE IMPATTO SULL’ULTIMO TRIMESTRE”

I dati diffusi da Istat relativi alle vendite al dettaglio del mese di agosto evidenziano un incremento tendenziale a valore del +2,4%, al quale corrisponde un calo a volume del -4,1%.

“I dati confermano il perdurare di una situazione caratterizzata dalla debolezza dei consumi, con un andamento dei volumi di vendita soprattutto nel settore alimentare che rimane in terreno negativo”, ha commentato Carlo Alberto Buttarelli (nella foto), Presidente di Federdistribuzione.

“La conferma di questo trend desta preoccupazione anche per l’impatto che si prefigura sull’ultimo trimestre dell’anno e sulle festività, in considerazione dell’importanza di questo periodo per l’economia delle imprese del Largo Consumo e della Distribuzione Moderna. Nell’attuale congiuntura economica che rimane complessa per le famiglie a causa del persistere degli elevati livelli inflattivi, si è attivato l’impegno concreto delle aziende della Distribuzione Moderna con l’iniziativa promossa dal Governo del ‘Trimestre anti-inflazione’. Uno sforzo che incrementa le numerose attività messe in campo dal settore ormai da quasi due anni per tutelare il potere d’acquisto degli italiani. È quindi fondamentale che anche la Legge di Bilancio preveda misure volte a sostenere i redditi, per dare un aiuto alle famiglie e per ridare impulso ai consumi, dai quali dipende anche la tenuta delle filiere del Made in Italy e dell’equilibrio economico di tante imprese”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.