TOMRA, NUOVE TECNOLOGIE A SUPPORTO DEI PRODUTTORI DI KIWI

I centri di confezionamento kiwi si trovano a competere in un mercato in continua evoluzione. La domanda globale, sottolinea Tomra in un comunicato stampa, è in aumento, ma anche le aspettative di qualità dei consumatori crescono e questo pone i confezionatori di fronte a due obiettivi potenzialmente in conflitto. Il primo è quello di tenere il passo con la domanda aumentando la capacità produttiva, ma questo può essere difficile o impossibile da raggiungere a causa dei vincoli delle linee di lavorazione.

Inoltre, anche se è possibile inviare più prodotto alle linee, una maggiore produttività a volte si traduce in una minore qualità del prodotto. L’altro obiettivo è quello di soddisfare le richieste dei clienti, sempre più rigide; ma l’eccessiva attenzione e l’eccessivo scarto di frutta incide sui profitti dei coltivatori e dei centri di confezionamento. È fondamentale evitare di sprecare la frutta vendibile e garantire che ogni frutto vada nella cassetta giusta, senza che nulla vada perso. 

I centri di lavorazione della frutta che non riescono a soddisfare queste esigenze perderanno potenziali ricavi e rischieranno di rimanere indietro rispetto alla concorrenza. Ma i centri che riescono a coniugare alti volumi e alta qualità del prodotto possono trarre vantaggio da un mercato internazionale vasto e in crescita, in cui la frutta di prima qualità ha prezzi elevati. 

Non molto tempo fa, gli operatori delle linee di lavorazione della frutta vi avrebbero detto che puntare a una maggiore produzione e a una maggiore qualità del prodotto è come cercare di fare progressi tirando in direzioni opposte. In genere, si era costretti a scegliere tra l’uno o l’altro. Oggi, con le moderne tecnologie di selezione, è possibile ottenere entrambe le cose.

Un mercato in crescita  

I cambiamenti in corso nel settore dei kiwi sono dovuti principalmente a tre fattori.

Il primo è che i consumatori dei mercati consolidati sono diventati più attenti a un’alimentazione sana, e questa tendenza di lunga data è stata accelerata dalla pandemia di COVID. Sempre più persone pensano con attenzione agli alimenti che acquistano, non solo per i pasti ma anche per gli spuntini. E cosa c’è di più desiderabile di un frutto gustoso, facilmente trasportabile, a lunga conservazione, con poche calorie e ricco di vitamine e minerali? 

Un altro fattore è che molti consumatori in tutto il mondo hanno a disposizione più varietà di kiwi tra cui scegliere. Oltre alle sottili variazioni disponibili nei kiwi verdi, ci sono anche i RubyRed™ e il SunGold™ sviluppati da Zespri, ed è il frutto giallo, con il suo gusto tropicale e dolce, che sta conquistando nuovi acquirenti al ritmo più veloce. Questa tendenza va di pari passo con il fatto che i consumatori sono sempre più attenti alla qualità della frutta che acquistano e all’esperienza alimentare che ne deriva.

Il fattore più significativo, tuttavia, è la crescita economica globale. Le nazioni in via di sviluppo, tra cui la Cina, la più popolosa del mondo, stanno diventando più ricche. Ciò significa che milioni di persone in più possono permettersi di acquistare cibo di qualità superiore e in quantità maggiore. 

Questi fattori, aggiunge Tomra, stanno alimentando l’espansione globale dell’industria del kiwi. La superficie destinata alla coltivazione dei kiwi è aumentata di circa il 7% nei tre anni fino al 2020 e le vendite nello stesso periodo sono aumentate di circa il 9%. Il maggior produttore mondiale è la Cina (2,4 milioni di tonnellate nel 2021); ricordiamo che il kiwi è originario dell’Himalaya. Ma è il secondo produttore, la Nuova Zelanda (628.500 tonnellate), dove l'”uva spina cinese” è stata ribattezzata kiwi, a essere il maggior esportatore. Gli altri principali produttori sono l’Italia (416.000 tonnellate), la Grecia (313.00 tonnellate), l’Iran (294.000 tonnellate), il Cile (140.000 tonnellate) e la Turchia (86.000 tonnellate). 

Il valore di una tonnellata di kiwi può variare enormemente – in genere da 1.000 a 4.000 dollari negli ultimi anni, a seconda del mercato di esportazione – ma nonostante le variazioni e le fluttuazioni dei prezzi, negli ultimi anni la domanda dei consumatori ha costantemente fatto crescere il valore delle vendite di kiwi. Oggi il mercato globale vale più di 7 miliardi di dollari all’anno. Il futuro delle vendite di kiwi è d’oro: gli analisti di mercato prevedono che nel prossimo quinquennio le vendite aumenteranno a un tasso di crescita annuale composto di circa il 6%.

Le opportunità portano con sé sfide

C’è un altro fattore che influenza il prezzo dei kiwi: il clima. Quando le condizioni climatiche sfavorevoli riducono significativamente la resa dei raccolti, l’offerta è inferiore alla domanda e i prezzi aumentano. I magazzini non possono fare nulla al riguardo, ma non possono nemmeno ignorare i cambiamenti climatici: le condizioni climatiche insolite stanno già rendendo più variabile la qualità dei raccolti di kiwi e, nel prossimo futuro, ciò che è considerato insolito diventerà sempre più comune.  

Un esempio è dato dalle stagioni di crescita prive di ore di sole. Questo sta già accadendo più spesso e, quando accade, il problema del contenuto di sostanza secca nei frutti diventa più evidente. Inoltre, se i frutti devono essere lasciati sulla pianta più a lungo prima della raccolta, il periodo di confezionamento si accorcia, aumentando la pressione sulla catena di approvvigionamento.

Oltre alla più frequente variabilità dei raccolti, i centri di confezionamento devono occuparsi anche di frutti morbidi, danneggiati fisicamente, rovinati da cocciniglie o da altri difetti difficilmente visibili, particolarmente attorno alle aree apicali del peduncolo e del calice, oppure di dimensioni o forme non conformi alle specifiche del cliente.

Per eliminare tutti i frutti con difetti e imperfezioni indesiderate, i metodi di selezione e classificazione manuale un tempo diffusi nell’industria dei kiwi non sono più abbastanza efficaci. Né lo sono i selezionatori automatici che accettano o rifiutano i frutti solo in base alla loro forma. Per rimanere competitivi e trarre profitto dall’espansione dei mercati di esportazione (e dei mercati nazionali per la frutta di prima qualità), i centri di lavorazione della frutta hanno bisogno di soluzioni di selezione e classificazione all’avanguardia e molto efficaci.

Le soluzioni

Tomra Food, produttore leader di selezionatrici ottiche e sistemi di calibrazione per l’industria alimentare, offre tre soluzioni elettroniche specifiche per la classificazione dei kiwi: i sistemi di ispezione Spectrim, Inspectra² (NIR) e UltraView. Queste soluzioni sono utilizzate da molti centri di lavorazione di kiwi in Nuova Zelanda, Europa, Sud America e Asia. 

Spectrim è la piattaforma di classificazione dei frutti freschi più potente al mondo, con illuminazione costante, immagini potenti, due lunghezze d’onda a infrarossi e deep learning. Spectrim seleziona e classifica difetti minori e maggiori, tra cui imperfezioni superficiali, danni da insetti, frutti deformati e abrasioni, ed è in grado di identificare difetti del prodotto difficili da trovare, come la muffa grigia (botrytis), cocciniglia e aree molli.

Inoltre, Spectrim offre ai centri di lavorazione altri due grandi vantaggi. Sblocca i vincoli di produttività della qualità e garantisce che la frutta giusta vada nella cassetta giusta, perché i parametri di selezione possono essere configurati in base ai diversi livelli dei difetti.

Il Case Study Protofanousis Fruits

Uno delle tante aziende al mondo che trae vantaggio ogni giorno dall’uso di Spectrim è Protofanousis Fruits in Grecia. Proto, com’è meglio conosciuta l’azienda, confeziona 18.000 tonnellate di kiwi all’anno (per lo più della varietà verde Hayward), per l’esportazione verso note catene di supermercati in Europa, Sud-Est asiatico, Medio Oriente, Nord Africa, Canada e Stati Uniti. Il responsabile commerciale di Protofanousi ha dichiarato: “Nel 2022 abbiamo investito in una nuovissima linea di selezione e confezionamento dei kiwi completamente automatizzata presso il nostro stabilimento di Salonicco, con una capacità di 30 tonnellate all’ora. Il nostro obiettivo era quello di aumentare la capacità, migliorare l’efficienza e garantire ai nostri clienti standard di qualità e coerenza più elevati”.

“In precedenza, tutte le ispezioni di qualità, soprattutto per i frutti rossi, venivano effettuate manualmente. L’accuratezza della piattaforma Spectrim, che è in grado di rilevare la morbidezza dei kiwi, è uno dei motivi principali per cui abbiamo deciso di investire nelle apparecchiature TOMRA. E siamo molto soddisfatti dei risultati. Abbiamo ridotto del 20% la manodopera necessaria per l’ispezione manuale, abbiamo aumentato la produzione complessiva del 150% e, grazie al raggiungimento di standard qualitativi più elevati, siamo ora in grado di entrare in nuovi mercati di esportazione.”

Il modulo di ispezione UltraView si integra con Spectrim per identificare i difetti attorno alle aree del peduncolo e del calice dei frutti, come la muffa grigia, altrimenti molto difficili da individuare. Questo modulo contiene una serie dedicata di telecamere multispettrali ad alta risoluzione (a colori e a infrarossi) e luci LED posizionate vicino al frutto e parallelamente alla sua direzione di marcia. La posizione del modulo sulla calibratrice, subito dopo Spectrim, significa che la frutta è orientata in modo ideale per essere rilevata dai sensori UltraView. Questa combinazione unica di tecnologie consente alle telecamere UltraView di generare immagini di qualità superiore dell’area difficilmente visibile della frutta per un’ispezione ancora più accurata.

Il video dell’impianto di Proto al lavoro è visibile al link: https://www.youtube.com/watch?v=PVX5NDMlugk 

Protezione per il futuro dei capannoni

Tomra, che investe molto in ricerca e sviluppo ed è famosa per le sue innovazioni rivoluzionarie, sta sviluppando soluzioni ancora più sofisticate. 

Un esempio dell’incessante ricerca della perfezione di TOMRA è la recente versione 5.0 del software di Spectrim. Questo rende la selezionatrice ottica più potente al mondo anche la più facile da usare. L’interfaccia utente semplificata e intuitiva ha reso più semplice per gli operatori alle prime armi imparare, operare e mettere a punto il sistema di funzionamento attivo, mentre i guasti e le previsioni di declassamento in tempo reale consentono agli operatori esperti di reagire più rapidamente. Sono stati apportati miglioramenti anche al dimensionamento e al conteggio delle imperfezioni, consentendo agli operatori di confezionare prodotti più vicini alla tolleranza.

Un altro grande esempio di progresso tecnico è la piattaforma dati basata su cloud Tomra Insight. Questa ha il potenziale per aiutare i coltivatori di kiwi e i centri di lavorazione e imballaggio a gestire in modo più efficace i loro inventari, oltre a rendere disponibili dati preziosi sui frutti. Queste tecnologie digitali, e altre ancora in fase di sviluppo, aiuteranno le aziende a soddisfare le esigenze del settore in continua evoluzione.
Lei soluzioni di Tomra Food offrono già alle aziende ortofrutticole capacità che non molto tempo fa non erano neanche immaginabili. Le soluzioni di selezione e calibrazione all’avanguardia di oggi consentono ai centri di lavorazione di migliorare l’efficienza, ridurre lo spreco, fornire una qualità del prodotto sempre elevata e soddisfare con precisione le specifiche di prodotto dei clienti. Il che è una buona notizia sia per la reddittività dei centri di lavorazione, sia per i loro clienti finali.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.