GLI USA VOGLIONO VISITARE LE TERRE DEL RADICCHIO DI TREVISO, IL CONSORZIO SI OPPONE: “CONTROPRODUCENTE”

Non ci sta il Consorzio di tutela del Radicchio Rosso di Treviso IGP che, alla richiesta di far visitare le proprie aziende ad un gruppo di produttori americani, ha risposto all’unisono in modo negativo.

“Mi sembra molto controproducente e contrario a tutte le azioni di promozione e tutela dare know how a produttori fuori zona e soprattutto in zone dove si cerca di aprire  da anni un mercato di commercializzazione”. Queste in sintesi le parole del presidente Andrea Tosatto (nella foto) che, supportato dai consiglieri, invita i produttori di radicchio di Treviso a diffidare da iniziative analoghe.
Il Consorzio del Radicchio è, infatti, incaricato a tutelare e valorizzare i prodotti a marchio riconosciuti dall’Unione Europea ma protetti inoltre anche da mandato esclusivo della Regione del Veneto e del Ministero delle Politiche Agricole.

Nulla da nascondere, sottolinea il Consorzio: il processo di produzione, spiegano, è infatti noto e chiaro a chiunque abbia il piacere di informarsi a riguardo ma è fondamentale comprendere che dietro ad una cicoria come il Radicchio di Treviso c’è oltre un secolo di esperienza data dal lavoro dei produttori e dal territorio stesso, e non avrebbe alcun senso infatti sviluppare questa coltura al di fuori delle zone autorizzate alla produzione.
Ogni azienda, sono circa 150 quelle iscritte al Consorzio, ha sviluppato con il tempo un proprio metodo di coltivazione in base all’andamento climatico al tipo di terreno seminato, alle esigenze produttive e a molteplici fattori impossibili da replicare oltre oceano, vere proprietà intellettuali tutelate fin dal 1996 dal marchio IGP che non devono essere svendute.

“È come se andassimo nelle cantine dello Champagne e gli chiedessimo di insegnarci a coltivare e vinificare le loro uve, lo riteniamo assolutamente fuori luogo. Se oggi il Radicchio di Treviso è simbolo dell’agricoltura italiana di qualità è proprio perché sappiamo produrre un’eccellenza intrecciando territorio e tradizione, non riesco a credere, che delle aziende agricole del territorio non si rendano conto della gravità del danno commerciale che si rischia di creare ” conclude il presidente Tosatto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.