IL FUTURO DEL SETTORE: “L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE NON SOSTITUIRÀ L’UOMO, CHE RIMARRÀ CENTRALE”

In un mondo sempre più veloce l’agroalimentare si trova a fare i conti con i tempi – obbligati – della natura. In un mondo che soprattutto dall’esterno appare ancora molto tradizionale, in realtà l’evoluzione tecnologica è all’ordine del giorno e ora l’Intelligenza Artificiale potrà dare una ulteriore accelerazione.

Ma in questo percorso l’uomo fa e farà la differenza. È quanto emerso nel corso del 21esimo Forum Impresa Persona Agroalimentare, che si è chiuso oggi a Milano Marittima (Ravenna) davanti a una platea di 450 operatori del settore, dopo una due giorni dedicata alle grandi sfide del comparto. A partire da quella tecnologica.

E proprio l’agricoltura – assieme a salute e manufactory – è tra i settori di maggior interesse per l’applicazione dell’Intelligenza Artificiale, come ha ricordato Marco Becca, direttore IFAB – International Foundation Big Data adnArtificial Intelligence for Human Development, il Tecnopolo di Bologna. “Gli effetti dei cambiamenti climatici si scaricano sull’agricoltura, la linea del fronte è in campo – ha detto Becca – L’Ai accelera la ricerca e lo sviluppo: simulo al computer, arrivo a una serie di soluzioni ritenute valide e vado avanti con quelle. È uno strumento per l’uomo, non lo sostituirà perché ha bisogno della nostra testa. Diventa un potenziatore di quello che sappiamo fare”.

IFAB sta sviluppando un progetto per dare agli agronomi uno strumento per leggere più velocemente il campo: dati climatici, del terreno, delle piante e – sulla base dell’esperienza umana – decidere cosa serve davvero. Anche per Maria Teresa Maschio, presidente di FederUnacoma, l’unione tra capacità umane e robotiche avrà un ruolo cruciale nella grande sfida “di riuscire a nutrire tutte le persone del pianeta. Inoltre meccanizzazione, robotica e Intelligenza Artificiale porteranno al raggiungimento di una maggior sostenibilità: pensiamo solo all’ottimizzazione dell’impiego di acqua, una delle risorse più critiche per il nostro mondo”.

“Nei lavori del Forum è emerso come sia fondamentale un nuovo approccio per affrontare le sfide del settore agroalimentare, dove l’uomo con i suoi desideri continuerà sempre a fare la differenza – così il presidente di Impresa Persona Agroalimentare, Camillo Gardini dando appuntamento alla prossima edizione del Forum (24-25 gennaio 2025) -. In tutti gli ambiti discussi al Forum, dalla transizione energetica al cambiamento climatico, dalle norme comunitarie ai mercati volatili, dall’accesso al credito al rapporto con i fondi di investimento fino alla difficoltà a trovare professionalità adeguate, crediamo che siano necessari tre elementi chiave: conoscenza, condivisione e speranza. Questo infatti si conferma il filo conduttore del Forum: diffondere conoscenza, costruire relazioni e mostrare come i vari attori del settore agroalimentare, dialogando e camminando insieme, possano promuovere soluzioni innovative in grado di fornire risposte sostenibili per dare un futuro alle nostre filiere”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.