IL BRASILE CREDE NELL’ITALIA, DE SOUZA (ABRAFRUTAS): “L’IMPORT-EXPORT CRESCERÀ ANCORA”

di Cristina Latessa

Cresce l’importanza del Brasile nel commercio dell’ortofrutta mondiale e a rimarcarlo c’è anche il debutto quest’anno, promosso da Fiera Milano e Ifema Madrid, di Fruit Attraction Sao Paulo che si svolgerà al São Paulo Expo & Convention Centre di San Paolo dal 16 al 18 aprile prossimi, con una superficie espositiva di 9.000 metri quadrati e la partecipazione di 200 espositori provenienti da tutto il mondo.

Avocado re dell’export: crescita a tripla cifra

Il 2023 è stato archiviato dal Brasile con una crescita dei volumi di frutta esportati oltre un milione di tonnellate (+6%), per un fatturato superiore a 1,2 miliardi di dollari. L’avocado in particolare è stato nel 2023 il re dell’export brasiliano con una crescita boom del 128% in valore e del 143% in volume rispetto all’anno precedente.

Il dinamismo di un Paese che è uno dei più grandi Paesi produttori ed esportatori agricoli del mondo lo abbiamo riscontrato anche dal gran via vai di buyer e visitatori registratosi nel grande e colorato padiglione carioca allestito alla fiera Fruit Logistica di Berlino. Il Corriere Ortofrutticolo si è soffermato a intervistare Jorge de Souza (nella foto), technical & project manager di Abrafrutas, associazione brasiliana di produttori ed esportatori di frutta e derivati, partendo innanzitutto dalle attese per il nuovo appuntamento fieristico a San Paolo.

– Che attese avete riguardo a questo evento?

Allargare il calendario degli appuntamenti fieristici è senz’altro positivo, avere Fruit Attraction in Brasile non è importante solo per il nostro export ma anche per favorire dall’Europa gli acquisti di prodotti che non abbiamo come prugne, pesche e altro”.

– Il bilancio della vostra partecipazione a Berlino?

Soddisfatti, perché i visitatori presso il nostro stand crescono di anno in anno e confortano la scelta fatta di investire in Fruit Logistica. Il nostro stand ha registrato un continuo via vai e siamo ottimisti, non abbiamo dubbi che il 2024 sarà un grande anno per noi”.

– Come procede l’interscambio tra Brasile ed Europa?

“C’è un ottimo interscambio, compriamo arance da Italia e Spagna, e altri prodotti come pesche e prugne. Da parte europea si guarda sempre con più interesse al Brasile, insomma le relazioni commerciali vanno molto bene e da entrambi le parti avverto soddisfazione”.

– Soddisfatti dei rapporti commerciali con l’Italia?

“Assolutamente, e sono sicuro che la partnership con l’Italia si consoliderà ancora di più in futuro, non a caso siamo stati a Macfrut e ci andremo ancora. Sono convinto che nei prossimi anni esportemo ancora più frutta in Italia, così come importeremo più frutta Made in Italy”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.