ADDIO A FICO, FARINETTI PRONTO A FARLO RESUSCITARE CON IL PROGETTO GRAND TOUR ITALIA: “SARÀ UNA FIGATA PAZZESCA”

Fico è “morto”. Il grande parco tematico dell’agroalimentare ieri ha chiuso i battenti definitivamente. Riaprirà con un altro nome, Grand Tour Italia. Quando? La data dovrebbe essere il 26 aprile, sebbene non ci sia la certezza. Sul passato di Fico e il futuro del nuovo progetto ne parla Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e dello stesso Fico, che ora ci riprova con la nuova idea dell’eclettico imprenditore piemontese che, in un’intervista a Repubblica, ha definito la sua nuova Creatura come “una figata pazzesca”.

“Spiegheremo tutto molto presto, racconteremo come sarà il futuro. Per ora ci sono due mesi di lavoro, speriamo di riuscire a fare tutto in questo tempo. Sarà una figata pazzesca, mi sono imbarcato in questa cosa e devo fare bella figura, il motivo principale è l’onore. Ci sarà chi si mette a ridere sentendomi parlare di onore ma è così, voglio dimostrare che Fico era una buona idea ma che ha bisogno di una trasformazione“.

A nulla sono valsi i vari restyling e le modifiche alla fruibilità tentati nel tempo, come aveva confessato lo stesso patron Farinetti: “Diciamo – confessava lo scorso settembre – che fra le cose che non mi sono venute propriamente bene Fico è una di queste. Anche se, a me, piace da morire. Forse mi sono spiegato male, quindi va rivisto. Quindi cambierà anche il nome, si chiamerà Grand Tour Italia”.

Farinetti ammette di aver commesso errori in passato, ad ogni modo crede in questo nuovo progetto: “Poi ci sarà sempre qualche cinico che non ci crederà lo stesso, ma l’importante è che si creda alla mia buona fede, questa è la cosa più importante: chi fa è condannato qualche volta a sbagliare. Chi non fa e giudica è molto fortunato, perché non sbaglia”. E alla domanda “Cosa si gioca in questa nuova avventura”, l’inventore di Fico dichiara: “Ma niente, solo il mio lavoro. Sono stato molto fortunato, sono capiente, non può succedermi nulla. Avremmo potuto decidere di chiudere ma ho preferito, per onore, di fare una bella roba. Quindi vedrà che ce la faremo, siamo molto gasati e convinti e anche quelli cui abbiamo raccontato il progetto sono contenti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE

L'iscrizione è quasi completata... Ora dobbiamo solo verificare il tuo indirizzo email, e per farlo ti abbiamo mandato un messaggio con un link di conferma.