Prodotti
0
CILIEGIA DI MAROSTICA IGP, RACCOLTA PARTITA IN ANTICIPO

Il 4 maggio scorso sono state portate al mercato di Bassano del Grappa (Vicenza), nello stand di OPO Veneto, le prime Ciliegie di Marostica I.G.P. Sandre, varietà autoctona. Belle, "sorridenti", invitanti. Sono arrivate con quasi una decina di giorni di anticipo sulla norma, raccolte nell’azienda dei fratelli Giuseppe e Vittorino Miotti, bravi cerasicoltori di Breganze.

Logistica
0
PORTO DI TRIESTE: IN ESAME IL PROGETTO DELLA PIATTAFORMA LOGISTICA

Verrà presentata domani 9 maggio a Roma dall’Autorità Portuale di Trieste la strategia di crescita esaminata e approvata dal Comitato Portuale della città friulana. Sul tavolo il rilancio dei traffici fra il Mediterraneo, il centro Europa e l’Europa dell’Est, il corridoio Adriatico-Baltico (Trieste-Vienna-Monaco) e il VI (Trieste- Lubiana- Budapest).

Prodotti
0
COLDIRETTI: NEL PRIMO TRIMESTRE DELL’ANNO CHIUSE 13.335 AZIENDE AGRICOLE

L’agricoltura è il settore produttivo con il peggiore saldo negativo con la perdita di 13.335 imprese nel primo trimestre dell’anno. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in occasione della diffusione dei dati Cerved sui fallimenti. A pesare, insieme alle difficoltà di mercato, sono stati l’aumento dei costi e la stretta creditizia nei confronti delle imprese.

Tecnologie
0
COSTI IN AUMENTO E MARGINI ALL’OSSO: PACKAGING SOTTO PRESSIONE

Gli aumenti di carburanti, pedaggi autostradali e materie prime si fanno sentire anche nel comparto dei contenitori per ortofrutta. Cassette – riutilizzabili e non -, vaschette, “buste” e quant’altro “pagano” l’incremento dei costi a monte che vengono “ricaricati” solo in parte, comprimendo i margini delle aziende. “C’è una forte pressione dal basso che cerchiamo di contenere”.

Biologico
0
CONSUMI BIO IN CRESCITA DEL 9% NEL 2011, +3,4% PER L’ORTOFRUTTA

È un bilancio più che soddisfacente quello che il 2011 ha riservato ai prodotti biologici in Italia. Dalle rilevazione Ismea-Gfk-Eurisko emerge un incremento della spesa dell’8,9% su base annua, in leggero rallentamento rispetto al tasso di crescita del 2010, ma in evidente controtendenza con la riduzione complessiva dei consumi di generi alimentari “convenzionali”.