BEYOND MEAT IN CRISI: ALLARME UTILI, TAGLIATO IL 19% DELLA FORZA LAVORO

Condividi

Beyond Meat ha lanciato un allarme sugli utili per il terzo trimestre e per l’intero anno in occasione della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre, con vendite più deboli del previsto.

L’azienda, tra i leader nella produzione di carne a base vegetale, ha anche rivelato che sta tagliando il 19% della sua forza lavoro globale, non legata alla produzione, per ridurre le spese, mentre il previsto ritorno alla crescita non si è verificato.

L’azienda di alimenti vegetali, in difficoltà, prevede per il terzo trimestre un utile lordo in perdita di circa 7-8 milioni di dollari, con un fatturato di circa 75 milioni di dollari, inferiore alle aspettative del consenso. Il flusso di cassa libero per il terzo trimestre è visto a circa 7,6 milioni di dollari.

Il fatturato del terzo trimestre, come ricorda investing.com, è stato influenzato da volumi di vendita più deboli del previsto nei canali di vendita al dettaglio e di ristorazione statunitensi, a causa della continua e ulteriore debolezza della domanda nella categoria delle carni vegetali. Inoltre, BYND ha rilevato un’efficacia promozionale inferiore al previsto e cambiamenti sfavorevoli nel mix di vendita dei prodotti.

“Abbiamo previsto un modesto ritorno alla crescita nel terzo trimestre del 2023, che non si è verificato, a causa di ulteriori venti contrari specifici del settore e dei consumatori. Anche se implementiamo misure per affrontare i venti contrari che rientrano nella nostra sfera di influenza, intendiamo perseguire un’ulteriore, consistente riduzione delle spese operative per migliorare la nostra struttura dei costi”, ha dichiarato Ethan Brown, presidente e amministratore delegato di Beyond Meat.

Oltre alla riduzione della forza lavoro, il gruppo ha dichiarato che perseguirà altre azioni per migliorare la struttura dei costi e le prestazioni operative complessive. Tra queste, la revisione della strategia dei prezzi per sostenere l’espansione del margine lordo, il continuo utilizzo della gestione delle scorte per ridurre il capitale circolante, l’intensificazione dell’attenzione ai canali e alle aree geografiche che registrano una crescita dei fatturati e, per quanto riguarda la vendita al dettaglio negli Stati Uniti, l’utilizzo del portafoglio e del marketing per “contrastare direttamente la disinformazione sui nostri prodotti e sulla categoria”.

Per l’intero anno, l’azienda ha dichiarato che i ricavi netti sono ora previsti tra i 330 e i 340 milioni di dollari, con un calo di circa il 21%-19% rispetto al 2022. L’utile lordo di BYND per l’intero anno è ora previsto in pareggio.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE