CILIEGIE, NEL VERONESE PIOVE SUL BAGNATO

Condividi

Il maltempo non dà tregua al nord, a partire dal Veronese, dove le piogge continue delle ultime settimane e le temperature basse stanno condizionando pesantemente la stagione di alcune produzioni. Anche ieri, mercoledì 13 giugno, piogge torrenziali con temporali a macchia di leopardo, hanno colpito il territorio scaligero. Le precipitazioni di ieri si sommano a quelle delle scorse settimane che già avevano condizionato alcuni areali produttivi.

A tal riguardo Andrea Garonzi, vice presidente di Cia, aveva lanciato l’allarme. “A causa del maltempo ci sono agricoltori nell’Est Veronese che stimano una perdita fino all’80% delle ciliegie precoci, ma anche le medie, in raccolta, sono almeno per il 50% spaccate. E ciò vuol dire che in buona parte finiranno nello scarto. Per le tardive, al momento, il fenomeno del cracking si stima attorno al 5% (ma il rischio è che aumenti sensibilmente, ndr), ma se continuerà a piovere non si salveranno neanche loro. Il problema è che, in generale, la qualità non è ottimale: a causa della mancanza del sole il colore dei frutti è pallido e anche le pezzature non sono ideali. Tutto questo mentre dalla Spagna cominciano ad arrivare ciliegie belle, di colore rosso vivo, che, oltre a farci concorrenza, stanno spingendo i prezzi verso il basso”.

La situazione si è aggravata nelle ultime ore.

Il Veronese, nonostante sia una delle aree italiane maggiormente vocate alla cerasicoltura, sta perdendo ettari di produzione negli ultimi anni. A farne le spese i produttori che negli ultimi anni devono affrontare una stagione sempre più condizionata dal maltempo che nell’ultimo periodo sta colpendo duro proprio nel mese di maggio e in parte anche giugno, tradizionali periodi di raccolta. (e.z.)

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE