CIPOLLE, A VALENCIA STAGIONE CATASTROFICA: PREZZI AI MINIMI, PRODOTTO NON RACCOLTO

Condividi

Stagione catastrofica per i coltivatori di cipolle della regione di Valencia. La Unió Llauradora stima perdite per oltre 25 milioni di euro come conseguenza dei bassi prezzi pagati in campo, che coincidono anche con un buon raccolto nelle aree di coltivazione spagnole nel loro complesso e con una grande presenza di prodotti importati sugli scaffali dei supermercati.

Il prezzo medio pagato all’origine è stato, nel migliore dei casi, di circa 0,10 €/kg, prezzi che praticamente significano regalarli in cambio della raccolta e che, poiché gli agricoltori hanno un costo superiore a quello che applicherebbero, in molti casi hanno optato alla fine per non raccoglierli. I costi di produzione per questa coltura oscillano tra 0,25 e 0,30 euro/kg, al di sotto di questa cifra “tutto è in perdita”.

Un coltivatore di cipolle di LA UNIÓ, come spiega Fruittoday, è molto chiaro nello spiegare la situazione. “Mi hanno offerto 4 centesimi per un chilo di cipolle che ho coltivato con tanta fatica e con quella cifra mi rifiuto di venderle, preferisco spaccare il campo piuttosto che dare via il mio prodotto. Ho resistito fino alla fine, ma le cipolle hanno una durata e se non vengono raccolte quando è il momento, non servono più a nulla. Produrre cipolle è una vera e propria lotteria“, sottolinea.

Tuttavia, questi prezzi non coincidono con quelli pagati dai consumatori nei supermercati. Mentre sugli scaffali si pagano in media 2 €/kg, nel campo sono appunto 0,10 €/kg, quindi la differenza tra origine e destinazione è del 1,918%.

Il fenomeno del prodotto importato

Inoltre, gran parte delle cipolle presenti nei supermercati in questa stagione proviene da altri Paesi, importate da aziende spagnole che “preferiscono optare per raccolti esteri provenienti da paesi lontani come Cile, Perù, Senegal o addirittura Nuova Zelanda piuttosto che per quelli prodotti in patria”.

LA UNIÓ denuncia anche le differenze di qualità tra alcune cipolle e altre. “Mentre le nostre cipolle sono appena state raccolte e quest’anno non hanno avuto problemi climatici, quelle provenienti da altri Paesi sono state raccolte da più di quattro mesi e quindi la qualità non può essere paragonata. Inoltre, dobbiamo tenere conto della differenza dei metodi di produzione, che all’estero sono molto più permissivi che da noi, e della preoccupazione per le questioni ambientali o gli sprechi tra alcune produzioni e altre. Dobbiamo esigere per i prodotti provenienti da Paesi terzi gli stessi standard di produzione che abbiamo per i nostri”, sottolinea l’organizzazione.

LA UNIÓ ritiene che le aziende spagnole che importano e i supermercati che acquistano dovrebbero compiere una riflessione. “Perché importano cipolle dall’estero quando il raccolto si sta deteriorando nei nostri campi. Anche i supermercati dovrebbero essere più sensibili alla produzione locale e chiedere alle aziende di rifornirsi di prodotti nazionali. Vorremmo che tutti dessero priorità all’acquisto di prodotti locali che si distinguono dagli altri per qualità, freschezza, sapore, sicurezza alimentare e impegno per la sostenibilità ambientale”, afferma

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE