CLEMENTINE DI CALABRIA; QUALITÀ AL TOP A SIBARI, LAMENTINO INFLUENZATO DAL MALTEMPO

Condividi

Stagione al top della qualità per le clementine di Calabria coltivate nella Piana di Sibari. La raccolta è iniziata da due giorni e già evidenzia prodotti con un grado Brix compreso tra 11,5 e 14 punti.

Meno bene per le produzioni dell’area del lametino che invece sono state colpite dalla bomba d’acqua dei giorni scorsi e che si stanno misurando con i conseguenti stress climatici e i danni indiretti derivati dalla persistente mancanza di luce, che crea isolamento di internet e rende impossibile l’irrigazione in queste nuove giornate di caldo.

Giorgio Salimbeni

“Qui nella Piana di Sibari – ha spiegato Giorgio Salimbeni, presidente del Consorzio Clementine Igp di Calabria – non abbiamo risentito dei danni climatici e anzi le favorevoli condizioni climatiche di quest’anno, ci stanno portando a iniziare a raccogliere prodotto di qualità eccezionale. Non si era mai sentito, soprattutto per le varietà precoci di questo periodo, di clementine con un grado Brix così elevato, fino a 14. Normalmente ci assestiamo su una media di 11”.

Ancora troppo presto per fare previsioni sull’andamento della campagna anche perché, come ogni anno i produttori dovranno misurarsi con i competitor internazionali, come quelli del Nord-Africa che arrivano sul mercato in maniera sempre più aggressiva.

“Quello che fa rabbia – continua Salimbeni – è che questo mercato è imperfetto perché permette la compresenza di operatori che lavorano in condizioni diametralmente opposte a cominciare dal costo del lavoro che in Italia è di 8 euro l’ora contro i 10 euro al giorno dei Paesi nordafricani. La situazione non cambia se guardiamo gli adempimenti in materia di sostenibilità ambientale e etica del lavoro che le aziende nordafricane non applicano. È ovvio che la competizione non si potrà mai fare sul prezzo ma sulla qualità”.

Intanto nel lametino, in particolare nella fascia che va da Vibo Valentia a Lametia Terme, nonostante il ritorno del bel tempo dopo le bombe d’acqua dei giorni scorsi, i produttori stanno ancora facendo i conti con le conseguenze del maltempo.

Franco Belmonte

“Non si tratta solo dei danni diretti causati dall’alluvione – spiega Franco Belmonte, direttore di Cia Calabria – ma anche di quelli indiretti come la persistenza della mancanza di luce che non permette di irrigare adesso che è tornato il sole, con ulteriore stress per le piante, e l’isolamento da Internet che impedisce le normali attività commerciali”.

Oltre alle colture di agrumi si registrano forti danni ai vivaisti del territorio, e alle produzioni locali di orticole per un ammontare di danni, tra diretti e indiretti, che Cia quantifica in 500 milioni di euro.

“A questi si aggiungono – continua Belmonte – i fondi che Cia richiede direttamente al governo per la messa in opera di un Piano straordinario per la manutenzione di torrenti e canali di scolo che da anni è praticamente inesistente. Intanto è in programma a novembre un’assemblea nazionale incentrata proprio sulla necessità non rinviabile di interventi infrastrutturali in diverse aree del Paese”.

Mariangela Latella

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE