GREEN PASS, GUERRIGLIA AL PORTO DI TRIESTE TRA MANIFESTANTI E POLIZIA

Condividi

Abbracciati a terra hanno sfidato lo sgombero della polizia. Tensione al porto di Trieste, guerriglia tra agenti e portuali anche tra le vie della città con alcuni poliziotti che sono rimasti feriti. Sfollati con cariche, manganellate, lacrimogeni e idranti i manifestanti che stazionavano davanti al Varco 4 dove da venerdì è iniziata la protesta dei No Green Pass.

Come scrive Repubblica in un articolo, i manifestanti, circa 300 nella mattinata sono poi diventati oltre duemila, hanno atteso i poliziotti seduti dall’altro lato lungo la strada intonando “La gente come noi non molla mai” e “Libertà”. Dopo che il varco 4 d’ingresso al porto è stato liberato, gli agenti hanno seguito i manifestanti anche lungo i Campi Elisi, lanciando lacrimogeni e attivando gli idranti.

Dispersi inizialmente dopo il nutrito lancio di gas lacrimogeni e di acqua dagli idranti, i manifestanti si sono raggruppati poco dopo ai Campi Elisi davanti alla Piscina Bianchi. Qui è giunta anche la polizia che si è nuovamente dispiegata a muro per impedire alle persone di tornare indietro. Una lunga coda di manifestanti ha deciso poi di raggiungere piazza Unità d’Italia. La folla, con tamburi e scandendo i soliti slogan, si è allontanata dalla Piscina Bianchi per raggiungere il centro, attraversando via Romolo Gessi e via Locchi. Al loro passaggio alcuni residenti si sono affacciati e li hanno insultati.

Una mattinata di tensione

I poliziotti arrivati stamattina dall’interno del porto sono scesi dai mezzi in tenuta antisommossa, un funzionario ha più volte invitato i lavoratori a disperdersi “in nome della legge” poi sono stati azionati gli idranti. “Non siamo violenti, toglietevi gli scudi”, “Arretrate” “Pace, amore e libertà”. Così hanno urlato i manifestanti ai poliziotti schierati al varco 4 del porto dove avevano costituito una sorta di barriera tra uomini e mezzi per avanzare lentamente spingendo lavoratori e No Green pass lontano dal Varco stesso che è poi stato liberato nella tarda mattinata.

Il presidio al Varco 4 del porto di Trieste di alcuni lavoratori portuali assieme ai manifestanti va avanti da venerdì mattina: è da lì che hanno tenuto conferenze stampa e offerto cibo e bevande a chi partecipava alla protesta No Green pass. Stamattina stavano iniziando a liberare e pulire la postazione. L’obiettivo, hanno spiegato al megafono mentre i presenti cominciavano ad allontanarsi dal varco per riunirsi un pò più avanti lungo la strada, era quello di garantire l’accesso libero al porto “come abbiamo sempre fatto”. Una decisione presa anche in vista dello sgombero forzato.

“Dobbiamo rendere fluida l’attività del porto”. Così ha spiegato un dirigente della polizia ad alcuni occupanti del porto di Trieste mentre continuava l’avanzata degli agenti per sgomberare il presidio ‘No green pass’. Alcuni portuali si sono inginocchiati. Alcuni rappresentanti della protesta hanno parlato con le forze dell’ordine probabilmente per trovare una transizione pacifica. “Dovete liberare il porto per favore, voglio evitare che vi facciate male”, ha spiegato un dirigente della polizia rivolgendosi ad alcuni occupanti dello scalo.

Stefano Puzzer in lacrime si è seduto a terra con gli altri occupanti del porto di Trieste. “Sono triste”, ha detto il leader del coordinamento dei portuali, tenendo la mano di un manifestante che stringe un rosario. Un portuale che era caduto a terra dopo aver avuto un malore è stato trasferito in ospedale. All’arrivo dell’ambulanza l’uomo era cosciente, ma al momento non si conoscono le sue condizioni. I portuali di Trieste hanno annunciato che prolungheranno lo sciopero fino al 21 ottobre.

(fonte: Repubblica)

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE