LA IV GAMMA CONQUISTA LA CINA MA CON UN GAP DA COLMARE

Condividi

Un settore in crescita a livello produttivo, industriale, tecnologico, ma anche commerciale, con grandi potenzialità: la IV Gamma, in Cina, sta conquistando rapidamente spazio, come ha raccontato Qingguo Wang (nel riquadro della foto di apertura) della Shandong Agricultural University in occasione del forum “Lo stato della IV Gamma: punti deboli, opportunità e possibili scenari”, a Foggia, nell’ambito della quinta conferenza internazionale “Fresh Cut 2024, International Conference on Fresh-Cut Produce: Maintaining Quality and Safety”.

La IV Gamma in Cina vale già oggi l’equivalente tra i 14 e i 16 miliardi di euro, un fatturato non distante da quello degli Stati Uniti “e – ha spiegato Qingguo Wang – si registra un boom del numero dei player accompagnata da una progressiva concentrazione oltre che da un graduale innalzamento della qualità di macchinari e tecnologie, che fino a pochi anni fa erano piuttosto rudimentali”.

A favore della realtà cinese, gioca anche la forte concentrazione di popolazione nelle aree urbane: nelle grandi metropoli come Pechino e Shangai, ciò significa che se anche solo il 20% delle persone consuma IV Gamma, i potenziali consumatori nel raggio di 50 km possono raggiungere i 2 milioni e oltre. In sostanza, può essere sufficiente una shelf life di pochi giorni (4-5) e una gestione della catena del freddo “semplificata” per soddisfare la domanda di migliaia di persone con prodotti a km zero o quasi.

“In Cina però – ha concluso Qingguo Wang – mancano ancora industrie manifatturiere di alto livello che realizzino tecnologie performanti come quelle europee o statunitensi”. Un gap che il colosso cinese, però, potrebbe colmare, in poco tempo.

Mirko Aldinucci

mirko.aldinucci@freshcutnews.it

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE