LA PUGLIA CONTRO L’IGP AL POMODORO PELATO DI NAPOLI

Condividi

La Regione Puglia esprimerà parere negativo alla richiesta di registrazione dell’Igp “Pomodoro Pelato Napoli” presentata al Mipaaf, Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali: è quanto emerso ieri al termine del tavolo con le Organizzazioni di produttori del pomodoro di Puglia convocato dall’assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Leonardo di Gioia (nella foto).

La Puglia – sottolinea l’assessore – detiene la quasi totalità della produzione del pomodoro all’interno di una filiera del Sud Italia dove la Campania possiede, di contro, industrie prevalentemente di trasformazione”. E “la relazione presentata dal Comitato Promotore IGp ‘Pomodoro Pelato Napoli’ è per noi mancante di un coinvolgimento di tutti produttori della Puglia. Nella stessa si evidenzia che la registrazione di un nome come IgP può esclusivamente basarsi sulla sussistenza degli elementi che ne dimostrano l’uso consolidato e questo non è il caso del cosiddetto Pomodoro Pelato di Napoli”.

“Inoltre è certo che una operazione siffatta penalizzerebbe – conclude l’assessore pugliese – solo il nostro comparto produttivo, anello vitale della filiera del Mezzogiorno. Dunque il nostro ‘no’ all’Igp del pomodoro di Napoli è non una mera questione campanilistica ma di merito”.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE