LE GELATE NON RISPARMIANO IL SUD: TRA CASERTA E NAPOLI DEVASTATI POMODORI E KIWI

Condividi

La coda dell’inverno ha colpito pesantemente i campi nell’area agricola al confine tra le province di Caserta e Napoli, con gelate che hanno bruciato pomodori e frutta. Lo denuncia Coldiretti Campania, che attraverso i suoi uffici territoriali sta effettuando un monitoraggio dei danni subiti. Particolarmente grave appare la situazione nel basso casertano, dove Coldiretti Caserta stima il coinvolgimento di 1.500 ettari di terreno, di cui il 40% colpito dal gelo.

Il danno per ettaro è calcolato in circa 2mila euro. Si temono risvolti pesanti nella contrattazione con l’agroindustria per l’acquisto dei pomodori da destinare alla trasformazione, spostando così l’interesse verso la Puglia. Il freddo intenso ha colpito anche verdure in pieno campo e frutteti.

Conta dei danni ancora in corso sul versante napoletano, dove anche Coldiretti Napoli segnala gelate che hanno investito le coltivazioni di ortaggi, con particolare virulenza sugli alberi da frutto. Colpiti in particolare i kiwi, che si trovavano nella primissima fase di crescita del frutto, che le temperature sotto lo zero hanno distrutto irrimediabilmente. Ora la speranza è che le gelate abbiano colpito solo parte degli alberi in frutto, salvando almeno il 50% della produzione.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE