LEANRI E NON SOLO: NOVITÀ PREMIUM DI COMERCIAL GALLO NEGLI AGRUMI

Condividi

di Mirko Aldinucci

Novità in vista per Comercial Gallo, da 20 anni attiva nella ricerca e gestione di varietà brevettate ad alto valore aggiunto nel settore agrumicolo Italiano. “Dal 2002 ad oggi – racconta il direttore generale Aldo Gallo – abbiamo visto svilupparsi e consolidarsi molte delle nostre proposte, per ultima la varietà Tang Gold/Tango, mandarino premium tardivo, brevettato”.

La Tang Gold, con PLV che sfiorano gli 80 tonnellate per ettaro – fa presente Gallo .- sta dando nuova linfa al settore agrumicolo, che negli ultimi anni ha visto una costante contrazione dei redditi in campo a causa di una grande frammentazione produttiva e disorganizzazione di filiera.

A questa varietà, sottolinea ancora l’imprenditore, sono affiancate altre proposte già ben conosciute: è il caso della varietà premium tardiva Leanri (nella foto di apertura), incrocio tra mandarino Murcott e clementino, senza semi. “Nel 2021 abbiamo definito una partnership per la distribuzione e il controllo in esclusiva di questa new entry che sarà molto importante per il mercato italiano in quanto consentirà di avere un prodotto premium, dal calibro e gusto eccezionali, tra la fine di gennaio e la metà di marzo, occupando un’interessante fascia di mercato tra il clementino comune e altre varietà premium tardive”.

Il progetto, in Italia, ha un tetto di 80mila licenze complessive, che corrispondono ad altrettante piante; al momento sono state veicolate circa il 40% delle licenze. La Leanri è gestita con sistema Club e sarà sottoposta al sistema di controllo OCVP – Organismo Controllo Varietà Protette con controlli in campo e packers certificati.

“La ricerca di varietà che possano apportare un vantaggio competitivo al settore agrumicolo italiano nel contesto europeo non si ferma”, aggiunge Aldo Gallo. “Stiamo lavorando per la gestione e il controllo di una nuova cultivar di clementino precoce brevetta: sarà disponibile nel giro di un paio di anni, avrà caratteristiche organolettiche ottime e la capacità di garantire un reddito in campo maggiore di quello attuale, grazie al sistema di gestione a Club e controllo di OCVP”.

Il tutto facendo riferimento a un assunto: “L’agrume italiano è molto apprezzato in Italia e all’estero – dice con convinzione Gallo – ha un plus che viene riconosciuto in termini di gusto e qualità generale. Investendo nelle innovazioni varietali giuste avremo tutte le carte in regola per essere competitivi nei mercati nazionali e internazionali, garantendo la sostenibilità reddituale delle nostre aziende agricole”.

m.aldinucci@corriere.ducawebdesign.it

Il Corriere Ortofrutticolo 9/2023 dedica un Focus Speciale agli agrumi

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE