L’IMPEGNO NELLA SOSTENIBILITÀ E NEL RISPARMIO IDRICO NEL PROGETTO DOLE WAY

Condividi

Negli ultimi anni la sostenibilità ambientale, che equivale a proteggere l’ambiente promuovendo l’uguaglianza e preservando la crescita economica, è divenuta un tema sempre più stringente. E sempre più le aziende intendono valorizzare la propria identità sostenibile, attraverso azioni e progetti volti a creare soluzioni concrete per il futuro.

Tra queste anche Dole, che da ormai 160 anni porta sulle tavole dei consumatori di tutto il mondo prodotti buoni, sicuri, nutrienti e di alta qualità.

Forte, infatti, è il suo impegno nell’essere un importante pioniere nel cambiamento, creando le migliori condizioni nel lungo periodo, dalla coltivazione al consumo. Un impegno risoluto sintetizzato in tre parole “The Dole Way” e che si focalizza su 3 assi principali: le persone, la natura, il cibo. Per migliorare la vita e i mezzi di sostentamento di tutti. Per preservare la terra e rafforzare gli habitat naturali. Per garantire la salute e il benessere di ciascuno, attraverso uno stile alimentare corretto ricco di frutta e verdura fresche della massima qualità.

Tra le molteplici attività intraprese dall’Azienda, una riguarda la gestione di quella che è la risorsa naturale più preziosa e fonte di vita: l’acqua. E della quale se ne comprende l’importanza soprattutto in estate, quando le alte temperature e i fenomeni oramai frequenti di siccità mettono a rischio le nostri sorgenti.

Circa il 71% della superficie terrestre, infatti, è ricoperto di acqua, bene rinnovabile dunque ma non infinito. E del resto, l’acqua è indispensabile per la salute dell’organismo umano, rappresentando circa il 65% del nostro peso corporeo.

Dole da tempo lavora per trovare modi più sostenibili per coltivare frutta e verdura, attraverso un miglioramento continuo e con team di ricerca e innovazione che supportano attivamente tutte le divisioni dell’Azienda. L’obiettivo è ridurre il consumo idrico nelle farm e negli impianti di confezionamento e lavorazione giungendo ad una gestione ottimizzata al 100% in tutte le aziende agricole e in tutte le strutture entro il 2025.

Un progetto impegnativo e sfidante che si concretizza già oggi con sistemi di depurazione e riciclo dell’acqua utilizzata, che consentono un risparmio fino all’80% del consumo della risorsa.

E mediante l’irrigazione a goccia, una tecnologia molto precisa, uniforme ed efficiente che partendo dal monitorare l’umidità del suolo in tempo reale, permette ai coltivatori di determinare quanto e quando irrigare, fornendo alle piante l’esatta quantità di acqua di cui hanno bisogno per una crescita ottimale e riducendone lo spreco in misura pari al 25%.

Gli ananas, per esempio, vengono piantati sotto una pellicola di pacciame capace di ridurre l’evaporazione e di conseguenza anche il fabbisogno idrico, così che tutta l’acqua utilizzata è acqua riciclata o acqua superficiale riutilizzata, anziché acqua di falda.

Insomma, un impegno quello di Dole ad essere onesti e trasparenti in tutte le sue operazioni e nel loro impatto. Oltre che un atto di responsabilità assunto oggi e per affrontare al meglio il futuro, ispirando e incentivando ciascuno di noi ad assumere quotidianamente un comportamento coscienzioso e scrupoloso. Perché solo attraverso il piccolo gesto di ognuno è possibile un grande cambiamento collettivo.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE