L’IMPORT CONTINUA A CRESCERE IN SPAGNA: +16% A VALORE NEL 2024

Condividi

Le importazioni spagnole di frutta e verdura fresca nei primi quattro mesi dell’anno sono cresciute del 6% in volume e del 16% in valore rispetto allo stesso periodo del 2023, per un totale di 1,5 milioni di tonnellate e 1,8 miliardi di euro, mantenendo la tendenza al rialzo degli ultimi anni.

Le importazioni di ortaggi da gennaio ad aprile 2024 sono state pari a 840.842 tonnellate, con una crescita del 9% su base annua, una crescita che in valore ha raggiunto il 17%, per un totale di 641,9 milioni di euro. Le patate hanno rappresentato il 65% del volume di ortaggi importati dalla Spagna nel periodo analizzato e il 41% del valore, attestandosi a 548.000 tonnellate e 264 milioni di euro, secondo i dati del Dipartimento Dogane e Accise dell’Agenzia delle Entrate, elaborati da FEPEX.

Per quanto riguarda la frutta, le importazioni si sono attestate a 730.265 tonnellate, il 3,6% in più rispetto al primo quadrimestre del 2023, per un valore di 1.158 milioni di euro, il 15% in più: la banana, con 122.897 tonnellate, è stata la più importata, seguita dalla mela, con 69.813 tonnellate; dall’avocado, con 66.212 tonnellate; dall’arancia, con 65.148 tonnellate e dall’ananas, con 59.613 tonnellate.

Le statistiche fino ad aprile mostrano ancora una volta il dinamismo del mercato spagnolo delle importazioni, nella maggior parte dei prodotti ortofrutticoli, con una crescita dei prodotti profondamente radicati nella produzione spagnola, secondo la FEPEX.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE