MESSICO, VOLANO PRODUZIONE ED EXPORT DI MIRTILLI

Condividi

Rappresentando meno del 15% dell’export totale di piccoli frutti, nel primo trimestre di quest’anno i mirtilli si sono posizionati come il prodotto agroalimentare più esportato in Messico.

Secondo Blueberries Consulting, la coltivazione di mirtilli in Messico è cresciuta di oltre il 20% negli ultimi anni, sia in termini di superficie che di produzione. Nel 2016 erano 3.206 gli ettari coltivati; nel 2021, 9.082. Nel 2021, in Messico si sono raccolte 68.915 tonnellate di mirtilli.

Nel 2021, si sono esportate complessivamente 68.308 tonnellate di mirtilli — pari al 99% del volume totale prodotto — verso 31 destinazioni, principalmente Stati Uniti, ma anche Giappone, Hong Kong ed Emirati Arabi Uniti.

La richiesta di produzione biologica prosegue nel suo trend di crescita a livello mondiale. Oggi, il 14,97% della superficie coltivata a mirtilli in Messico (1.360 ettari) è dedicata alla produzione organica. Nella campagna in corso, si sono già esportate circa 10.500 tonnellate di mirtilli biologici.

In questa stagione, circa il 70% della superficie totale produce la varietà Biloxi rispetto a un 6% che produce nuove varietà. Attualmente, il 53% delle piante di mirtillo è coltivato a pieno campo e il 47% in vaso (idroponica) e questa tendenza è destinata a crescere nei prossimi anni per via dell’aumento del volume di produzione.

In base ai dati presentati da Blueberries Consulting, nel 2021 in Messico si sono prodotte 618.111 tonnellate di fragole, 266.583 di more, 188.395 di lamponi e 68.915 di mirtilli e se ne sono esportate 273.633 di fragole, 113.459 di lamponi, 68.308 di mirtilli e 66.231 di more.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE