RIUSO AREE CONFISCATE, CASELLI: “UN RILANCIO PER IL SETTORE”

Condividi

Coldiretti esprime il proprio sostegno all’accordo sottoscritto al Viminale dai Ministri dell’Interno, Matteo Piantedosi, e delle Politiche Agricole, Francesco Lollobrigida, che prevede l’assegnazione di terreni confiscati alle mafie ai giovani agricoltori. Questa iniziativa rappresenta un passo significativo nella lotta contro le agromafie e nella promozione della legalità e della sostenibilità nel settore agroalimentare. La criminalità organizzata, con il business delle agromafie – ricorda l’associazione – ha superato i 24,5 miliardi di euro, minando gravemente la qualità e la sicurezza dei prodotti italiani e danneggiando l’immagine del Made in Italy.

“I beni confiscati – dichiara Giancarlo Caselli (nella foto), presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio Agromafie di Coldiretti – sono la concreta dimostrazione che l’antimafia è recupero di legalità che «paga» anche in termini di nuove opportunità di lavoro e di nuove occasioni di iniziative imprenditoriali libere”. Il progetto presentato non solo sottrae risorse alle mafie, ma offre ai giovani agricoltori la possibilità di contribuire alla rinascita economica e sociale delle nostre campagne. Gli agricoltori sono infatti i primi custodi del territorio e con il loro lavoro garantiscono la sostenibilità e la cura dell’ambiente. Sostenere i giovani imprenditori agricoli attraverso l’assegnazione di terreni confiscati alle mafie è un passo fondamentale per rilanciare la legalità e la competitività del nostro settore agroalimentare.

La criminalità nelle campagne si manifesta attraverso furti di attrezzature e mezzi agricoli, racket, estorsioni, caporalato e truffe nei confronti dell’Unione europea, compromettendo il libero mercato e soffocando l’imprenditoria onesta. Coldiretti sottolinea l’urgenza di una riforma dei reati in materia agroalimentare, come proposto da Giancarlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio Agromafie, per perseguire con maggiore efficacia questi crimini. A conferma dell’impegno nella lotta contro la criminalità organizzata nel settore agroalimentare, è stata recentemente inaugurata a Bruxelles la sede permanente della Fondazione Osservatorio Agromafie, sotto la guida di Francesco Greco. Questa iniziativa mira a portare la cultura della legalità a livello europeo, affrontando temi come le frodi alimentari, lo sfruttamento lavorativo e le pratiche commerciali sleali, per difendere il Made in Italy e tutelare i consumatori. Coldiretti auspica che questa iniziativa porti a risultati concreti già nella prossima stagione e ribadisce il suo impegno nel supportare tutte le azioni volte a favorire la crescita e il rinnovamento del comparto agricolo italiano.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE