SPAGNA, COMMERCIO ILLEGALE DI AGRUMI: 14 ARRESTI

Condividi

In Spagna, nella Comunità Valenciana, la Guardia Civil ha condotto un’operazione nella comarca di Ribera che ha portato all’arresto di 14 persone e a un’indagine su altre 43, in relazione al commercio illegale di 123.000 kg di agrumi distribuiti in magazzini di dieci città della zona.

Dal novembre 2023 la campagna agricola è attentamente monitorata per individuare eventuali attività fraudolente. Durante l’ispezione dei punti vendita di arance e l’analisi di quasi mille documenti di accompagnamento e tracciabilità degli alimenti (DATA), sono stati scoperti 263 documenti falsificati che facilitavano la vendita illegale di arance.

Squadre specializzate nel furto di prodotti agricoli — note come squadre Roca — e supporto aereo, tra cui un elicottero della Guardia Civil, hanno svolto un ruolo chiave nella ricerca di venditori e gruppi di raccolta fraudolenta. A seguito di questa operazione, sono state arrestate 14 persone.

Inoltre, nel corso dell’operazione sono stati sequestrati 123.673 kg di arance e recuperati 27.600 euro in contanti provenienti da vendite illegali, oltre a documenti fraudolenti. I magazzini coinvolti nella ricezione irregolare di questa frutta si trovano in varie località della Ribera Baixa e della Ribera Alta, in particoare Sueca, Corbera, Polinyà de Xúquer, Albalat de la Ribera, Cullera, Sollana, Senyera, la Pobla Llarga, l’Énova e Massalavés. Le indagini sono state trasmesse a diversi tribunali di prima istanza e alle magistrature di Sueca, Alzira e Carlet che le stanno esaminando.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE