UVA, L’OLANDESE OLYMPIC FOOD GROUP RILEVA GREEK GRAPE COMPANY

Condividi

L’azienda olandese di prodotti freschi Olympic Food Group (OFG) ha rilevato Greek Grape Company (GGC), uno dei maggiori produttori greci di uva da tavola bianca e rossa senza semi.

Entrata in vigore il 1° luglio e annunciata alla vigilia della partecipazione al Fruitnet Grape Congress di Rutigliano, in Italia, l’acquisizione prosegue la recente espansione di OFG nella categoria delle uve. A rivelarlo è Fruitnet.

OFG acquisterà la maggior parte delle colture coltivate nei 30 ettari del sito di Agios Pavlos, nella Calcidica, nel nord della Grecia. La frutta sarà venduta principalmente attraverso la società Olympic Fruit.

“L’uva è molto importante nella gamma di Olympic Fruit”, commenta Lennart van den Heuvel, CEO di Olympic Food Group. “È uno dei prodotti in cui siamo specializzati da anni e siamo quindi molto soddisfatti di questa operazione. Essere così vicini alla coltivazione ci permette di garantire meglio la qualità e la disponibilità di prodotto per i nostri clienti”.

Anche George Saliaris-Fasseas, fondatore di GGC, è entusiasta dell’accordo. “Sono lieto di collaborare con un’azienda innovativa olandese che conosce il settore, è pratica in tali operazioni e ha standard di qualità simili ai nostri”.

L’anno scorso, GGC si è classificata al primo posto tra i fornitori di qualità per il suo più grande cliente al dettaglio del Regno Unito e, a quanto pare, è stata anche la prima azienda del comparto ad aver ottenuto la certificazione di sostenibilità.

L’azienda greca coltiva diverse varietà di uva bianca e rossa sviluppate da Bloom Fresh. Le varietà bianche comprendono Sugar Crisp, Sweet Globe e, in futuro, Cotton Candy, mentre le varietà rosse sono Jack Salute e Sweet Celebration.

Le prime uve saranno disponibili tramite Olympic Fruit verso la fine di agosto e dovrebbero continuare fino alla fine di ottobre.

“Con la guida e la partnership di Olympic Food Group, continueremo a spingerci oltre i nostri confini e a deliziare i consumatori in più Paesi”, afferma Saliaris-Fasseas.

I terreni coltivati ad uva si trovano proprio sulla costa nord-occidentale del Mar Egeo e si dice che beneficino di un vento di tramontana unico nel suo genere che esalta la croccantezza delle uve. “Inoltre”, aggiunge Saliaris-Fasseas, “il clima stabile e il terreno ricco lo rendono un luogo perfetto per la coltivazione dell’uva”.

Si tratta del terzo sito di produzione autonoma di frutta di OFG al di fuori dei Paesi Bassi, dopo la piantagione di uva Cederberg in Sudafrica e Dojrana nella Macedonia settentrionale, dove si coltivano ciliegie, albicocche, prugne e mele.

Come spiega Van den Heuvel sempre a Fruitinet, avere un accesso diretto alle forniture è un vantaggio. “A causa dei cambiamenti climatici, la disponibilità dei prodotti sta diventando una sfida crescente”, osserva. “L’aggiunta di attività di coltivazione al nostro portafoglio ci aiuta a garantirla in modo sostenibile”.

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE