UVA, POCO PRODOTTO MA QUALITÀ ELEVATA: L’ANALISI ISMEA

Condividi

Poco prodotto ma di alta qualità. In Europa quest’anno i volumi di uva da tavola scarseggiano ma di ottimo livello qualitativo.

Secondo i dati di ISMEA il mercato rimane condizionato da inflazione e consumi contratti. Per quanto riguarda l’Italia, i dati previsionali di Istat indicano un’offerta di uva per il 2023 di circa 890 milioni di chili: -8% su base annua e -12% rispetto alla produzione media del triennio precedente. La percezione degli operatori, però, è che la flessione sia ancora più consistente (-30% circa). La riduzione delle superfici vitate e il clima hanno influito negativamente sulla quantità ma non sulla qualità delle uve che presentano una colorazione e un grado brix (rapporto peso acqua e zucchero) ottimale. La campagna commerciale è caratterizzata da un’offerta limitata e da prezzi all’origine in forte rialzo sia rispetto al 2022 sia rispetto al prezzo medio del triennio 2020-2022, ma non mancano eccezioni per alcune varietà o alcune piazze che mostrano variazioni negative. Sul fronte export, quest’anno i flussi di prodotto in uscita dal nostro Paese sono attesi in contrazione rispetto a agli ultimi anni a causa della riduzione dell’offerta ma i listini in forte aumento dovrebbero garantire l’aumento degli introiti per le esportazioni. Per quanto riguarda gli acquisti domestici, i dati delle vendite al dettaglio di uve da tavola al 10 settembre 2023 indicano un -7% su base annua. Il rincaro del prezzo medio al dettaglio è del 19% e in conseguenza di ciò la spesa è cresciuta del 14% rispetto allo stesso periodo del 2022.

SCARICA IL REPORT ISMEA

Sfoglia ora l'Annuario 2023 di Protagonisti dell'ortofrutta italiana

Sfoglia ora l'ultimo numero della rivista!

Join us for

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER QUOTIDIANA PER ESSERE AGGIORNATO OGNI GIORNO SULLE NOTIZIE DI SETTORE