COOP AGRICOLE: “PER CRESCERE SERVE MENO BUROCRAZIA”

“Una proposta di legge che risponde all’appello del mondo agricolo e agroalimentare, di alleggerire il settore dall’eccessivo carico burocratico che in Italia, come in nessun altro Paese europeo, mette freni pesanti all’iniziativa imprenditoriale dei produttori agricoli, fino a scoraggiarla del tutto nel caso dei giovani che si affacciano per la prima volta all’attività agricola”.

 

È quanto dichiara il presidente di Fedagri-Confcooperative, Maurizio Gardini, (nella foto) anche a nome dei presidenti Giovanni Luppi di Legacoop Agroalimentare e di Giampaolo Buonfiglio di Agci- Agrital, in occasione della conferenza stampa al Senato del gruppo PD della Commissione agricoltura, per la presentazione del ddl dal titolo “Misure di semplificazione a sostegno della competitività e della responsabilizzazione delle imprese agricole”.

 

“Il nostro Paese – continua Gardini – ha urgente bisogno di un imponente processo di sburocratizzazione che coinvolga anche il comparto agricolo, dove la troppa burocrazia grava sui bilanci delle imprese, a scapito della loro stabilità e competitività. Questo non significa abbassare il livello di gettito fiscale, ridurre la sicurezza sul lavoro e diminuire gli standard di sicurezza alimentare o di tutela dell’ambiente, ma consentire al settore primario di crescere”.

 

Sui costi degli adempimenti amministrativi Fedagri-Confcooperative, insieme a Legacoop Agroalimentare e Agci-Agrital, ha più volte posto l’accento, con l’elaborazione di ben due dossier sulla semplificazione normativa presentati al Parlamento, al Governo e al Ministro dell’Agricoltura.

 

Il primo contiene 42 proposte relative alle norme dell’intero comparto agricolo mentre il secondo è costituito da 18 proposte specifiche per il settore vitivinicolo, con tanto di esempi concreti su quanto, in termini di costi e di tempo, le imprese, piccole e grandi, cooperative e non, devono alla burocrazia.

 

“Su questo tema – ricorda Gardini – è aumentata la sensibilità di politica e istituzioni, e non possiamo che salutare con favore questa iniziativa parlamentare che, insieme alla proposta depositata dal presidente della Commissione Agricoltura del Senato Scarpa Bonazza Buora, va nella direzione di razionalizzare e semplificare gli adempimenti e le procedure, per un contenimento dei costi e delle lungaggini amministrative”.

 

“Ci auguriamo che questo sia il primo passo – conclude Gardini nella nota congiunta – di un cammino che porti alla stesura di una legge bipartisan in grado di dotare l’agricoltura, i produttori e le loro cooperative, oltre che gli stessi consumatori, di un quadro normativo efficiente e moderno che fissi regole giuste e controlli trasparenti,. Siamo pronti ad offrire il nostro contributo”.