EXPORT, L’ORTICOLTURA ITALIANA PUNTA SULL’UNGHERIA

Confagricoltura ha accompagnato una delegazione di imprese specializzate in orticoltura a Budapest, dove si sono poste le basi per accordi commerciali e di cooperazione a favore di un comparto che sta attraversando una fase delicata, ma con ottime opportunità nel Paese, come dimostra l’andamento in crescita del saldo positivo nell’interscambio commerciale tra Italia e l’Ungheria.

 

I componenti della missione hanno avuto un serrato calendario di incontri con operatori della ristorazione, delle catene alberghiere, del commercio al dettaglio di qualità e della grande distribuzione nazionale e multinazionale selezionati dalla Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria.

“Per rafforzare l’export made in Italy è necessario supportare le imprese nella ricerca di contatti sia su nuovi mercati, sia su quelli tradizionali – sottolinea Giandomenico Consalvo (nella foto) di Confagricoltura – e da tempo è notevole l’impegno di Confagricoltura in questo senso. Tutte le imprese italiane devono essere sostenute nella ricerca di ulteriori canali commerciali, ma in particolare hanno necessità di progetti mirati quelle aziende che, seppure strutturate per internazionalizzarsi, se agiscono da sole incontrano maggiori difficoltà di penetrazione nei mercati esteri.”

 

 

Import Export Saldo Ortaggi e legumi. Italia – Ungheria

 

Gennaio – dicembre. Valori in Euro, dati cumulati

 

 

2007

Import

 

12.485.351

Export

 

11.822.591

Saldo

 

-662.760

 

2008

9.357.017

15.252.685

5.895.668

 

2009

7.919.337

13.885.254

5.965.917

 

2010

7.099.160

17.934.214

10.835.054

 

2010 gennaio/giugno

3.187.646

12.562.450

9.374.804

 

2011 gennaio/giugno

3.014.740

12.801.750

9.787.010

 

             

(Elaborazione Confagricoltura su dati ISTAT)